In un comunicato ufficiale il CIO ha annunciato che le prossime quattro settimane saranno decisive per il destino delle Olimpiadi del 2020, alla luce dell'emergenza Coronavirus. Secondo le rivelazioni di un membro del Comitato Olimpico però, il dado sarebbe stato già tratto: Dick Pound infatti in un'intervista telefonica a Usa Today Sports, ha annunciato che il rinvio dei giochi al 2021 è stato già deciso, e sarà ufficializzato nei prossimi giorni.

Coronavirus, un membro del CIO annuncia il rinvio delle Olimpiadi al 2021

Uno degli esponenti del Comitato Olimpico Internazionale, Dick Pound, è convinto che le Olimpiadi di Tokyo in programma nella prossima estate verranno posticipate, probabilmente al 2021 alla luce della crisi legata al Coronavirus. Pound in un'intervista telefonica ai microfoni di Usa Today Sports ha dichiarato: "Sulla base delle informazioni fornite dal Cio, il rinvio è stato deciso. I particolari non sono stati determinati, ma i Giochi non inizieranno il 24 luglio". Secondo il canadese, considerato uno dei membri più influenti del CIO, l'annuncio ufficiale nelle prossimi giorni, mentre per i dettagli bisognerà aspettare le prossime quattro settimane.

La presa di posizione ufficiale del CIO sulle Olimpiadi 2020

Rivelazioni che arrivano dopo la presa di posizione ufficiale del CIO che in un comunicato ufficiale, aveva ancora una volta ribadito di non aver deciso in merito al rinvio di Tokyo 2020. Nella nota, il Comitato Olimpico ha evidenziato la necessità di aspettare quattro settimane per valutare la situazione e considerare dunque anche gli sviluppi dell'emergenza legata al Coronavirus. Lo stesso periodo citato da Pound. L'unica ipotesi da escludere al momento è quella relativa ad un annullamento dei Giochi.