403 CONDIVISIONI
12 Aprile 2022
16:36

Sean Penn: “Vorrei tornare in Ucraina per combattere contro la Russia”

L’attore si racconta a Hollywood Authentic tra la voglia di tornare in Ucraina e i suoi problemi con la vodka.
403 CONDIVISIONI

Sean Penn è il protagonista della cover story della settimana della rivista Hollywood Authentic. Un'intervista molto interessante, realizzata dallo scrittore e giornalista Robert Ryan, che ha fornito molti spunti, uno tra tutti quello sul suo recente incontro con Volodomyr Zelensky e sulla ferrea volontà di tornare al più presto in Ucraina, anche a combattere, se necessario. Ma è uno scenario che lui stesso considera estremo: "L'unico motivo per cui sarei potuto rimanere in Ucraina più a lungo", ha detto, "sarebbe stato solo prendendo un fucile in mano. Penso che secolo è questo? Perché l'altro giorno ero alla stazione di servizio di Brentwood e ora sto pensando di fare guerra alla Russia? Che cazzo sta succedendo?". Ma le sue intenzioni sono di tornare: "Voglio tornare in Ucraina al più presto. Ma non sono un'idiota, non sono certo di quello che ho da offrire. Non resto ore a parlare con il presidente e il suo staff mentre si trovano sotto attacco e la loro gente rischia di rimanere uccisa. Invierò probabilmente un messaggio allo staff del Presidente e chiederò loro come poter essere d'aiuto". 

L'ammirazione per Zelenksy

Sean Penn non nasconde la sua ammirazione per Volodomyr Zelensky, un uomo che ha dimostrato di avere "passione e coraggio" e che Sean Penn aveva già incontrato prima che la minaccia della guerra diventasse reale.

Avevo parlato di un possibile documentario sulla sua nazione, che al tempo non doveva necessariamente essere focalizzato sulla possibilità di una guerra. Da quel momento, tutto è cambiato anche nel nostro rapporto che si è evoluto. Sono andato lì per incontrarlo faccia a faccia, pochi giorni prima dell'invasione e poi subito dopo. Ho subito riconosciuto un uomo affascinante, brillante, carismatico, mi è piaciuto subito molto. […] Bisogna ricordare che prima della guerra, Zelensky non era affatto universalmente popolare come si credeva. Vitalij Klyčko, il sindaco ex pugile di Kiev, l'ho conosciuto a novembre per il documentario che stavo facendo. Era molto critico su Zelensky. Ora è il primo a servirlo. Questa guerra ha unificato una nazione.

I tre matrimoni e i problemi con l'alcool

Nel corso dell'intervista si parla anche dei suoi tre matrimoni e dei suoi problemi con l'alcool. Attualmente è impegnato con Leila George, australiana: "Siamo stati sposati per un anno, ma adesso vediamo le cose giorno dopo giorno perché ho mandato tutto a puttane". Tra le motivazioni, mix di alcolici e di Ambien, un sonnifero molto potente. Sta cercando di uscirne anche se: "Continuo ad avere bisogno di vodka e Ambien per andare a dormire la notte. […] Ma la mia priorità è la famiglia, i miei affetti, mia moglie. la mia vita  e allora cerco di far andare le cose in un modo che io le possa controllare". 

403 CONDIVISIONI
Sean Penn in Ucraina per un documentario sulla guerra, l'incontro con il presidente Zelensky
Sean Penn in Ucraina per un documentario sulla guerra, l'incontro con il presidente Zelensky
Steven Seagal è lo Sean Penn di Putin, la festa dei 70 anni a Mosca:
Steven Seagal è lo Sean Penn di Putin, la festa dei 70 anni a Mosca: "Vi amo tutti"
Sean Penn:
Sean Penn: "Ho visto Zelensky e sono rimasto colpito da come ha unito il Paese"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni