4.279 CONDIVISIONI
Chiara Ferragni e Fedez, le news sui Ferragnez

Fedez riappare e fa chiarezza sui suoi problemi di salute: “Ho preso psicofarmaci sbagliati”

Attraverso una serie di storie pubblicate su Instagram, Fedez spiega ai follower i suoi problemi di salute, legati ai pesanti tic nervosi e la balbuzie delle ultime settimane, impedendogli di prendere parte a diversi appuntamenti: “Avevo nausea, spasmi alle gambe, ho faticato a camminare. Ma ora sto meglio”. E difende la moglie Chiara Ferragni: “L’unica a starmi vicino, su di lei si è abbattuta una tempesta di m**da mediatica”.
A cura di Andrea Parrella
4.279 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Chiara Ferragni e Fedez, le news sui Ferragnez

A distanza di giorni di silenzio, nei quali aveva annunciato di voler prendere una pausa dai social, Fedez riappare su Instagram per spiegare ai follower cosa sia accaduto e dare aggiornamenti sulle sue condizioni di salute, dopo che nei giorni scorsi avevano generato una certa preoccupazione le immagini in cui faticava a parlare a causa di pesanti tic nervosi e balbuzie. Con una serie di storie su Instagram, ha spiegato meglio quali siano le sue attuali condizioni di salute:

Ci tengo a ringraziarvi per i messaggi di vicinanza e voglio raccontarvi tutto. Ogni giorno escono notizie su me e la mia famiglia che non corrispondono al vero ed è giusto che sia io a raccontarvi quello che è successo. Purtroppo devo partire da quanto mi è stato diagnosticato il tumore. Per quanto privilegiato possa essere è stato un evento molto traumatico e solo oggi ho realizzato di quanto poco mi sia preso cura della mia salute mentale rispetto a questo evento, affidandomi solo a psicofarmaci, fino a trovarne uno che non era proprio indicato a me.

Fedez entra quindi nel dettaglio dell'accaduto: "Da gennaio mi è stato prescritto questo antidepressivo molto forte che mi ha cambiato molto, agitandomi tanto, dandomi anche effetti collaterali fisici molto forti, fino al punto da provocarmi tic nervosi alla bocca che mi hanno impedito di parlare in maniera libera. Avendomi dato effetti collaterali forti, ho dovuto sospendere senza scalarlo, cosa che solitamente non si fa a meno che non ci siano rischi importanti. Io sono stato costretto a sospenderlo e ha provocato un effetto rebound". L'artista quindi spiega così la sua assenza a diversi eventi e appuntamenti per i quali era atteso negli ultimi giorni, dalla presentazione di LOL 3alla testimonianza per il processo relativo alla strage di Corinaldo, per la quale ha chiesto esenzione presentando un certificato medico:

Oltre a darmi un annebbiamento a livello cognitivo, mi ha dato spasmi alle gambe che per giorni mi hanno impedito di camminare, vertigini, nausea, perdita di peso, non una bella cosa. Non ho potuto svolgere il mio lavoro, ragione per la quale non c'ero alla presentazione di LOL e al processo per la strage di Corinaldo e altre cose. Ad oggi non sono ancora al cento per cento, però giorno dopo giorno miglioro.

Inevitabile un passaggio sulla questione familiare e il rapporto con Chiara Ferragni, su cui in queste ultime settimane sembravano essersi addensate molte nubi: "per quanto questo periodo sia stato parecchio infelice, mi ha fatto capire tante cose, quanto io voglia focalizzarmi sulla mia salute mentale e soprattutto quanto voglia passare tempo con la mia famiglia e mia moglie, su cui in questo periodo ne sono state dette di ogni. Invece è l'0unica persona che mi sia stata accanto, ha dovuto subire una tempesta di merda mediatica incredibile. Insomma se posso darvi un consiglio è che qualsiasi evento traumatico vi accada, prendetevi cura della vostra salute mentale e delle vostre ferite, perché se non lo farete saranno loro a reclamare il bisogno di essere curate anche nella maniera più brutta possibile. Questo il riassunto dei miei due mesi di merda. Ci tenevo ancora a ringraziare mia moglie, ha dovuto badare a una famiglia intera e a me, non è per niente scontato. Sono un uomo fortunato". 

4.279 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni