Il divario tra Lega e Movimento 5 Stelle torna a crescere negli ultimi sondaggi elettorali. Una rilevazione condotta da Index Research per Piazza Pulita, programma in onda su La7, mostra l’ampio margine di vantaggio del Carroccio sui suoi alleati di governo e su tutte le altre forze politiche. Ed evidenzia due dati: da una parte la Lega ha praticamente raddoppiato i consensi rispetto al voto del 4 marzo alle elezioni politiche; dall’altra il Movimento 5 Stelle è sceso per la prima volta sotto il 25%, quasi 8 punti percentuali in meno rispetto a marzo.

La Lega si conferma primo partito con il 34,7%, ulteriormente in crescita dello 0,2% rispetto a una settimana fa. Alle elezioni si era fermata al 17,4%. Male il M5s che continua a perdere consensi, arrivando al 24,9%: il 4 marzo raccolse il 32,7% dei voti attestandosi nettamente come il primo partito. Chi perde rispetto al già deludente risultato delle elezioni è anche il Partito Democratico, oggi al 17,7%: un punto in meno rispetto a marzo ma in leggera crescita (+0,2%) negli ultimi giorni.

Tra gli altri partiti, rimane stabile il dato di Forza Italia che guadagna pochissimo fermandosi al 7,5%. Mentre nessuna variazione si registra per Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni si ferma al 4%. Ed è l’ultima lista in grado di superare la soglia di sbarramento del 3% prevista dalla legge elettorale attualmente in vigore. Dietro troviamo +Europa al 2,3%, esattamente come una settimana fa. Poi Potere al popolo in leggerissima crescita al 2,2%. Continua a perdere consensi, invece, Liberi e Uguali che dopo la scissione arriva solamente all’1,7%.

Nel sondaggio si sottolinea che “le intenzioni di voto, alla data del 6 Dicembre, continuano a premiare la Lega di Salvini che è stimata al 34,7 (+0,2 rispetto al rilevamento ultimo del 29 Novembre) e circa al doppio del voto del 4 Marzo che sancì il 17,4%”.