Aziz Ahmed, un bambino di appena tre anni, è stato ucciso da due cani di razza pitbull mentre stava giocando nel cortile della casa della sua famiglia a Carteret, nel New Jersey, Stati Uniti: la tragedia è avvenuta martedì pomeriggio e la madre del piccolo ha cercato di fare di tutto per salvargli la vita.

Stando a quanto accertato i due cani che hanno aggredito il bambino sbranandolo non appartenevano alla famiglia. I due pitbull, infatti, vivevano in una proprietà direttamente confinante con quella della famiglia Ahmed e sarebbero riusciti a infilarsi sotto una recinzione che separa le due abitazioni lanciandosi verso Aziz e azzannandolo. Sua madre è immediatamente intervenuta per strappare i cani a suo figlio e "ha combattuto con tutte le forze che aveva per salvarlo", ma si è rivelato inutile.

È stato il fratello di 10 anni di Aziz a chiamare i servizi di emergenza mentre sua madre era alle prese con i due animali inferociti. Quando sono arrivati ​​i primi soccorritori, sia Aziz che sua madre avevano subito ferite "gravi", hanno detto i funzionari. Il ragazzo è stato trasportato in eliambulanza in un ospedale della zona dove è morto per le ferite poche ore dopo. I parenti del piccolo, sconvolti, hanno dichiarato ai media locali che la famiglia aveva precedentemente avvisato i proprietari dei pitbull che erano pericolosi e fuori controllo. Il proprietario si era messo a ridere. I due pitbull responsabili dell'attacco sono stati soppressi sul posto dalla polizia. Il proprietario di quei cani, è stato accusato di omicidio di secondo grado, omicidio colposo involontario e possesso di animali pericolosi.