Per tutti era una maestra d'asilo esemplare e ligia al dovere ma dietro quell'aspetto all'apparenza normale in realtà si nascondeva una donna che non esitava a violentare un bambino di appena un anno e a filmarsi per compiacere il suo amante. La terribile storia di abusi su minori arriva dalla contea di Seminole, nello stato della florida, in Usa, dove la donna, la 34enne Audra Mabel, è stata arrestata dalla polizia con l'accusa di sfruttamento sessuale di un bambino e produzione e distribuzione di pornografia infantile. La sua vicenda è emersa per caso quando l'ormai ex amante, il 36enne Justin Ritchie, è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale su un bambino di 12 anni. L'uomo era indagato dopo essere stato accusato da una mamma di aver violentato i suoi tre figli, tra cui un bambino di un anno e un bambino di 4 anni.

Dai video ritrovati sui supporti informatici dell'uomo infatti sono emersi anche gli sconvolgenti filmati con la donna che abusava del piccolo. Gli investigatori hanno affermato di aver trovato diversi video e immagini sul cellulare dell'uomo, inclusi una decina di video in cui appariva la 34enne Mabel mentre abusava di un bambino di un anno. La donna ha ammesso di aver realizzato i video nel 2017, quando era maestra d'asilo, inviandoli al suo fidanzato per compiacerlo, visto che lui le aveva detto di aver fantasticato sugli abusi sessuali su minori, e per convincerlo a lasciare la moglie. Sul cellulare della donna sono stati ritrovati poi altri video hot girati addirittura in classe alla presenza di bimbi di scuola elementare.