Paura nella serata di martedì poco dopo le 23 nel quartiere di Secondigliano, periferia nord di Napoli, dove una pasticceria ("La piccola pasticceria") di viale delle Galassie è letteralmente saltata in aria. Intervento delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco immediato: tanto spavento ma fortunatamente nessun ferito. Distrutti i vetri degli appartamenti ai primi piani della strada a ridosso del locale commerciale, danneggiate due autovetture. Ora gli inquirenti cercano di capire qual è l'origine della deflagrazione. Nella zona c'è un alto tasso di criminalità connesso al traffico di stupefacenti ma anche al racket. Tuttavia le cause dell'esplosione potrebbero anche essere accidentali. La pasticceria è a pochi metri dalla scuola "Parini", visitata di recente dal premier Matteo Renzi.

Proprio l'altroieri a Scampia e Secondigliano 13 arresti cautelare nell'ambito delle indagini sul narcotraffico che portò alla nuova faida di Scampia e – nel caso specifico – all'omicidio dei fratelli gestori di una piazza di spaccio a Secondigliano, ovvero Carlo Matuozzo e il fratello Antonio, uccisi il 29 agosto 2013, per volere di Antonio Accursio, reggente del gruppo della Vanella Grassi.L'uccisione dei fratelli gestori di una piazza di spaccio a Secondigliano, nel parco La Quadra, dicono le indagini di carabinieri e polizia, è una ‘faccenda' interna alla cosca protagonista della nuova faida di Scampia.