Una leggera scossa di terremoto è stata avvertita questa sera, intorno alle 20:30 nel catanese. Il sisma è stato sentito anche nel capoluogo di provincia. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, la magnitudo del terremoto è stata del 3.1, con una profondità di un solo chilometro. La scossa è stata registrata nelle vicinanze di Milo (comune facente parte del parco dell'Etna) ed è stata localizzata dalla sala operativa Ingv di Catania. Come detto, Milo è il comune più vicino all’epicentro, a 11 chilometri di distanza. A 12 chilometri Zafferana Etnea. Qualche preoccupazione per il terremoto anche a Giarre e ad Acireale, dove la scossa è stata avvertita in maniera più nitida. Molte le telefonate ai vigili del fuoco anche a Catania. Secondo quanto risulta finora, comunque, non sono stati registrati danni di alcun tipo a cose o persone.

Molti i comuni che si trovano nelle vicinanze dell’epicentro della scossa. Oltre a quelli già citati, anche paesi più grandi come Bronte, Randazzo, Pedara e Biancavilla: tutti nel raggio di meno di venti chilometri. Così come non distanti sono anche i comuni di Girare, Adrano, Belpasso e Aci Sant’Antonio. Ingv riporta anche le città più vicine con almeno 50.000 abitanti in cui il terremoto è stato localizzato, partendo proprio da Acireale e Catania.