Di fronte all'anziana donna ricoverata in casa di riposo non avevano esitato a prenderla con la testa e sbatterla insistentemente e con la forza sul letto, per questo due operatrici della struttura erano state denunciate con tanto di video dell'accaduto ma al processo a sorpresa sono state completamente scagionate dal giudice secondo il quale nel loro comportamento non c'è nulla di male. Il caso a Pert , in Australia, dove la 92enne Jean Robins, è stata filmata da una telecamera nascosta mentre veniva forzatamente sollevata sul letto di una casa di cura da due addette. Nel filmato girato nel 2016, la signora, che soffre di demenza senile ma all'epoca si era appena rotta una gamba,  viene sollevata e poi scaraventa a forza sul letto, infine presa con i capelli  per costringerla a mettere la testa sul cuscino.

A riprendere la scena era stato il figlio della signora Robins, Ed, che aveva piazzato  la telecamera dopo aver notato  lividi sul corpo dell'anziana madre.  "Mamma stava soffrendo, ovviamente alzava le mani per proteggersi ma loro la strattonavano", ha spiegato l'uomo ai giornali locali, aggiungendo: "È stata abusata. Esistono diversi tipi di abuso. È stata maltrattata fisicamente, lo abbiamo visto coi nostri occhi". Le due assistenti sono state incriminate dalla polizia e portate in tribunale ma il giudice le ha assolte da tutte le accuse paragonando la gestione della donna anziana a quella di un bambino difficile. "Se il bambino sta facendo i capricci, ovviamente è necessaria una forza supplementare per ottenere ciò che deve essere raggiunto", ha spiegato il giudice.