Tragico incidente nel pomeriggio di venerdì nel territorio di Villamarzana, nella provincia di Rovigo. Un appuntato scelto dei carabinieri è morto dopo essere stato investito da un mezzo pesante nel corso di rilievi stradali. L’incidente è avvenuto intorno alle 18.30, quando una pattuglia della stazione carabinieri di Arquà Polesine (Rovigo) è intervenuta lungo la Statale 434 per la presenza di un'autocisterna che, per un guasto, stava riversando liquido sulla carreggiata. Nel corso dei rilievi, secondo una prima ricostruzione dei fatti, è sopraggiunto un mezzo pesante che ha investito l'appuntato scelto Antonino Modica e il conducente del mezzo in avaria. Per il carabiniere non c'è stato nulla da fare mentre l’altro uomo ha riportato ferite gravi ed è stato portato in elicottero in ospedale. Il militare autista, appuntato Vito Maurantonio, è invece rimasto illeso.  Lunghe code si sono formate anche in autostrada A13 a seguito dell'investimento mortale.

La vittima lascia moglie e due figli – Il carabiniere rimasto ucciso aveva cinquantacinque anni, lascia la moglie Elisa e i figli Luca ed Elena. Il ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha commentato il tragico incidente con un tweet nel quale ha espresso a nome suo e delle forze armate cordoglio per l'appuntato scelto Antonino Modica: “Profondamente addolorata – si legge nel tweet del ministero della Difesa – sono vicina alla famiglia e ai carabinieri”.

“Il Comandante Generale, Giovanni Nistri, e tutta l'Arma dei Carabinieri esprimono il loro cordoglio alla moglie, Elisa, e ai figli, Luca ed Elena, dell'appuntato scelto Antonino Modica, deceduto in servizio, oggi, a Villamarzana (RO), in un tragico incidente stradale”, si legge invece dall’account ufficiale dell’Arma dei Carabinieri.