Gli agenti sono intervenuti in via Colle Giove, alla periferia di Nettuno sul litorale a Sud della capitale, dopo una segnalazione per violenza domestica. Qui gli agenti hanno tentato di fermare un uomo di 36 anni che, in stato di evidente alterazione da bevande alcoliche e in crisi d'astienza, aveva prima sfogato la sua violenza contro le suppellettili dell'abitazione della casa condivisa con la compagna, poi aveva aggredito la donna che a quel punto sceglie di andare a denunciarlo. Solo due giorni prima la donna era stata costretta a ricorrere alle cure mediche per le percosse ricevute dal compagno, che le aveva provocato ematomi ed escoriazioni.

Ha aggredito i poliziotti armato di un coccio di vetro

All'arrivo degli uomini in divisa, invece di tranquillizzarsi, si è scagliato contro i poliziotti armato di un coccio di vetro avventandosi contro uno dei due. Per fermare la sua furia uno il collega ha estratto l'arma e ha esploso un colpo ferendolo a una gamba prima che potesse portare a termine il suo proposito. Una manciata di secondi e l'aggressore è in terra neutralizzato.

Trasportato in ospedale è stato subito dopo arrestato

Il 36enne è stato soccorso da un'ambulanza del 118 e trasportato in ospedale, ma solo dopo essere stato sedato continuando a dare in escandescenze. Arrivato al Nuovo Ospedale dei Castelli di Ariccia è stato medicato al polpaccio colpito dal proiettile. Da quanto si apprende l'uomo era già conosciuto alle forze dell'ordine avendo diversi precedenti penali per reati contro il patrimonio e per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Arrestato dovrà rispondere dei reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.