120 CONDIVISIONI
Opinioni
16 Giugno 2022
14:23

Arriva Gasbarra: Gualtieri e Zingaretti lo vogliono candidato nel Lazio (ma dovrà fare le primarie)

Enrico Gasbarra è stato vicesindaco di Roma, presidente della provincia, deputato ed eurodeputato. Lontano dai riflettori da qualche anno, ha esperienza e conosce tutti quelli che contano, ma rischia di sembrare agli elettori l’usato sicuro. Sul suo nome stanno convergendo Zingaretti e Gualtieri. Ma dovrà passare le primarie: Leodori e D’Amato non ritirano la loro candidatura. L’annuncio ufficiale dopo i ballottaggi.
A cura di Valerio Renzi
120 CONDIVISIONI

A volte ritornano è il caso di dire. Enrico Gasbarra, classe 1962, già presidente della Provincia e vicesindaco di Roma con Veltroni, poi parlamentare ed europarlamentare, dal 2019 non ha incarichi politici attivi pur essendo iscritto al Partito Democratico e partecipando alla vita del partito. Nominato da Zingaretti a capo dell'Ipab Isma – Istituti di Santa Maria in Aquiro. Di lui si era parlato per le suppletive in I Municipio, così da preparargli il ritorno in politica, ma Enrico Letta non ha voluto sentire ragioni: il seggio non è delle correnti, promuovendo così Cecilia D'Elia in parlamento. Non ha Instagram e i suoi profili Facebook e Twitter sono fermi rispettivamente al febbraio 2016 e al 22 marzo dello stesso anno. A oggi è certo il suo ingresso nella corsa per le primarie del centrosinistra per la Regione Lazio.

A volere Gasbarra in campo è prima di tutto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, le cui truppe sono ordinate dal generale Claudio Mancini. Ma su Gasbarra, pur con accortezza e una bassa esposizione, si sta posizionando anche Nicola Zingaretti, che lascia la Regione Lazio senza un erede designato ma con una corrente che pesa in postazioni e numeri. L'idea sarebbe del sempiterno Goffredo Bettini, oggi lontano dai riflettori per una pausa di riflessione lontano dalla prima fila della mischia con annesso viaggio in Thailandia (non è la prima volta che lo fa). Il nome di Gasbarra avrebbe secondo molti due vantaggi: un nome autorevole e in grado di far parlare mondi diversi, che conosce bene la macchina amministrativa e a dirla tutta conosce tutti, almeno tutti quelli che contano, e farebbe siglare un patto a zingarettiani e manciniani. Un patto che ancora ad oggi non c'è, fatto che provoca ciclicamente qualche tensione. Ha però un difetto: viene da un'epoca lontana, per quanto da molti rimpianta, e non è proprio stato al centro dell'attenzione negli ultimi anni. Insomma lontano dalla politica ma senza i vantaggi di un outsider, rischia di apparire come un usato assicurato ma un po' sbiadito.

Di questo si dovranno però occupare kingmakers e agenzie di comunicazione. Quella che sembra certa intanto è la tempistica: subito dopo i ballottaggi. Un altro punto fermo sono le primarie da fare in autunno, la prima data utile indicata dal Nazareno è il 13 novembre. Nonostante i tentativi di ricomporre il quadro sicuramente in campo ci saranno anche Daniele Leodori, attuale vicepresidente della Regione Lazio, e Alessio D'Amato, assessore alla Sanità. Leodori è espressione di Area Dem di Franceschini, e su di lui punterebbero molti importanti portatori di voti del partito nelle province. È noto il suo asse con Roberta Lombardi del Movimento 5 Stelle, con la quale ha preparato e portato a casa l'allargamento della maggioranza di Zingaretti, e ha un buon rapporto con i Verdi rappresentati in consiglio da Marco Cacciatore. Al partito ha chiarito di non aver nessuna intenzione di ritirarsi. Allo stesso modo non si ritirerà Alessio D'Amato, che non è iscritto al PD e che piace a Carlo Calenda anche se viene dalla sinistra sinistra. L'assessore alla Sanità proverà a capitalizzare oltre gli steccati dei partiti il consenso e la visibilità personale avuta grazie a una gestione della pandemia di Covid-19 e della campagna vaccinale che, se non perfetta, è stata tra le più efficienti in Italia.

Tre uomini che si contenderanno la candidatura a governatore in una competizione che appare aperta molto più di quella per il Campidoglio. All'appello manca una candidatura femminile che potrebbe arrivare nei prossimi giorni da sinistra.

120 CONDIVISIONI
Giornalista pubblicista e capo area della cronaca romana di Fanpage.it. Ho collaborato prima prima di arrivare a Fanpage.it su il manifesto, MicroMega, Europa, l'Espresso, il Fatto Quotidiano. Oltre che di fatti e politica romana mi occupo di culture di destra e neofascismi. Ho scritto per i tipi di Edizione Alegre "La politica della ruspa. La Lega di Salvini e le nuove destre europee" (2015) e per Fandango Libri "Fascismo Mainstream" (2021).
Nicola Zingaretti sulle elezioni:
Nicola Zingaretti sulle elezioni: "Io candidato? Sono a disposizione del Pd"
Con la Tari arriva lettera di Gualtieri ai romani:
Con la Tari arriva lettera di Gualtieri ai romani: "Sconto del 4%, ma dovete fare più differenziata"
Orfini, Madia, Cirinnà: chi è nel PD che sostiene la candidatura di D'Amato alla Regione Lazio
Orfini, Madia, Cirinnà: chi è nel PD che sostiene la candidatura di D'Amato alla Regione Lazio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni