liberavelo-town

Un rizoma anche in condizioni sfavorevoli genera nuove piante, sarà anche brutto ma è gustoso. Citando Massimo Troisi, il rizoma è umile, ma onesto in confronto all'albero, alla sua bellezza organizzata in maniera gerarchica e sistemica. Questo è un po' la linea di guida di Rizoma contro Albero, l'album che segna il ritorno di Libera Velo, cantautrice tra le più eclettiche della scena campana. Con una simpatia travolgente e con due ballate tratte proprio dall'ultimo disco (accompagnata da Antonio Alfano alla chitarra), Libera ci racconta della sua evoluzione dal primo disco Riffa a questo nuovo lavoro, frutto di una maturazione raggiunta concerto dopo concerto, con un lieto evento come la maternità:

Prima c'era una voglia di mettere fuori cose lasciate nel cassetto per anni. Adesso c'è più abitudine, abbiamo girato l'Italia, sono stata all'estero, ho molta più consapevolezza adesso. So cosa voglio comunicare, sono passati tanti ascolti e mi avvicino sempre di più a quello che è il genere che ho sempre amato, il folk e il blues. 

Rizoma contro Albero è un disco realizzato anche grazie alla collaborazione di tantissimi artisti della scena musicale campana, molti di questi passati anche per la nostra Fanpage Town. Da Claudio Domestico degli Gnut a Dario Sansone dei Foja, dai Songs for Ulan a Renato Minale e Giuseppe Fontanella dei 24 Grana, da Sasha Ricci dei 99 Posse a Ciro Riccardi degli Slivovitz. Forte di una teatralità innata e di una sensibilità artistica unica (la sua Mamma Felicia dedicata alla madre di Peppino Impastato è da ascoltare e riascoltare) , Libera Velo con Rizoma contro Albero punta alla sua definitiva consacrazione nella scena cantautorale. Il disco.

Scopri tutte le puntate di Fanpage Town