Una ragazzina di 14 anni ha sacrificato la propria vita mentre cercava disperatamente di salvare un’amica dall'annegamento. L'adolescente era finita in un lago nella riserva naturale di Clincton Wood, vicino casa sua a Widnes, nella conte del Cheshire. Teya Davies si è buttata in acqua, ma è tragicamente portata via dalla corrente. Sebbene una terza ragazza abbia portato in salvo l'amica usando un ramo di un albero, Teya non è riuscita a tornare in superficie e non è stato possibile salvare la vita. I fatti sono avvenuti lo scorso 4 agosto. Il suo corpo è stato ritrovato nel tratto di acqua torbida profondo 2,5 m due ore più tardi, nonostante gli eroici sforzi di un poliziotto fuori servizio che è saltato in acqua completamente vestito e ha trascorso 45 minuti nel lago cercando di localizzarla.

In una dichiarazione letta al tribunale di Warrington, l'amica salvata, che non può essere nominata per ragioni legali, ha detto: "Teya ha allungato la mano per tirarmi fuori ma l'ho trascinata accidentalmente dentro l’acqua. Un’altra ragazza è venuta a tirarci fuori, ma non riusciva, quindi è uscita dall'acqua e ha afferrato un bastone per tirarci fuori. È riuscita a tirarmi fuori dall'acqua, ma quando mi sono girata non ho vedevo più Teya. Così abbiamo chiamato la polizia. Conoscevo Teya da circa quattro anni, lei era di un anno più giovane di me”.

Paul Wright, membro del Halton Borough Council, ha dichiarato: "Non c'erano cartelli che dicessero di non nuotare nell'acqua direttamente attorno allo stagno, ma ci sono segnali che avvertono che stai entrando nella riserva naturale". Il coroner ha stabilito che la morte di Teya è da considerarsi una tragedia: "Era una ragazza molto coraggiosa che ha cercato di salvare un amico ed è tragicamente morta nel farlo. Il modo in cui si è svolta questa tragedia avrebbe potuto portare alla morte di tre ragazze. Le azioni disinteressate e coraggiose di questa giovane che ha salvato la sua amica dovrebbero essere lodate meriterebbe un riconoscimento".