Non aveva la minima idea di essere incinta. Finita in coma, si è risvegliata con un bambino. Ebony Stevenson, 18 anni, inizialmente aveva sofferto di un mal di testa lancinante all'inizio di dicembre dello scorso anno, quindi a seguito di una serie di attacchi di convulsioni è stata ricoverata in ospedale dove i medici le hanno indotto il coma. Il 6 dicembre si è risvegliata per scoprire di aver dato alla luce la sua bellissima bambina, Elodie. Per tutto il tempo della gravidanza, l’adolescente ha sempre avuto un ciclo regolare, non ha sviluppato alcun pancione o aveva problemi di sorta legati specificatamente alla gestazione. "Svegliarsi dal coma per sentirsi dire che ero incinta e aver dato alla luce una bambina è stato travolgente a dir poco” ha detto Ebony al Sun. "Incontrare mia figlia è stato così surreale. Sembrava un'esperienza fuori dal corpo. Non pensavo nemmeno di volere bambini – almeno per altri dieci anni – e non mi sarei mai aspettato di essere diventare mamma". I medici hanno scoperto che Ebony è affetta da una rara patologia (colpisce una donna su 3mila) chiamata utelus didelphys in cui la donna ha due uteri. "I medici dicono che Elodie è una bambina miracolosa, perché le donne con la mia condizione spesso lottano per concepire o portare a termine la gravidanza".

Quando la madre di Ebony, Sheree, 39 anni, ha realizzato che sua figlia stava male, ha composto il 999 (il nostro 118) e i paramedici le hanno chiesero se la 18enne fosse incinta, dopo aver notato una strana protuberanza sulla panica. Secondo i medici le convulsioni avrebbero fatto spostare il bambino rendendolo in qualche modo “visibile”. I test effettuati all’ospedale Royal Oldham hanno poi rivelato che la giovane aveva sofferto di pre-eclampsia che aveva innescato le convulsioni e i medici hanno ritenuto necessario far nascere il bambino il più presto possibile. Ebony è stata sottoposta ad un cesareo d'emergenza ed Elodie è nata il 3 dicembre. La piccola è stata inizialmente ricoverata in terapia intensiva, ma la mamma e la bambina sono state finalmente dimesse il 13 dicembre. "Sebbene non ho avuto il tempo di prepararmi, non cambierei ciò che è accaduto per niente al mondo" ha detto la neomamma.