9.053 CONDIVISIONI
18 Febbraio 2017
13:33

Migranti, Salvini choc: “Pulizia di massa pure in Italia. Quartiere per quartiere”

A Recco per la campagna di tesseramento della Lega, Salvini va all’attacco: “Guardia nazionale antimigranti in Italia come negli Usa di Trump? Magari. Non vedo l’ora – ha quindi aggiunto – una volta al Governo, di controllare i confini come si faceva una volta”.
A cura di Biagio Chiariello
9.053 CONDIVISIONI

“Ci vuole una pulizia di massa anche in Italia”. Dichiarazioni inquietanti quelle pronunciate dal leader della Lega Nord, Matteo Salvini, parlando di immigrazione a Recco (Genova) per la campagna di tesseramento del Carroccio. Una pulizia "via per via, quartiere per quartiere e con le maniere forti se serve perché – ha detto – ci sono interi pezzi d'Italia fuori controllo. Non vedo l'ora una volta al Governo di controllare i confini come si faceva una volta e usare le navi della marina militare per soccorrere e riportare indietro i finti profughi". Un riferimento anche alla vociferata ‘Guardia nazionale’ di Trump. “In Italia? Magari”, ha aggiunto Salvini. “Se fossi io al Governo – ha detto ancora -, pulizia e pattugliatori in mare”.

Parlando dell’ipotesi scissione nel Pd, Salvini ha detto: “Elezioni subito. Che si sciolgano tutti e andiamo a votare”. “Non ne posso più di d’alemiani, bersaniani, renziani – ha detto a Recco – Ho la nausea. Il Pd? quello che fanno Renzi e il Pd mi interessa meno che zero. Abbiamo le nostre idee, abbiamo i nostri uomini, governiamo e bene il Veneto la Lombardia e la Liguria – ha concluso -. Vorrei esportare il metodo Lombardia Veneto e Liguria a livello nazionale e siamo pronti a farlo anche tra due mesi”.

E sull’eventualità che Berlusconi si ricandidi, “Il leader lo devono scegliere gli italiani, non lo sceglie nessuno a tavolino né a Arcore né a Genova”, ha spiegato Salvini. Io, ha detto “lavoro per una coalizione più ampia possibile senza i traditori del passato. gli Alfano o i Verdini e i Casini. Col fatto ben chiaro – ha ribadito – che l’Italia deve controllare i confini e la moneta”.

Immediate sono arrivate le repliche alle dichiarazioni del leader della Lega. “Non dobbiamo abituarci agli insulti razzisti o ai toni dittatoriali evocati dal leghista Matteo Salvini. Fanno parte di una storia tragica che l’Italia, l’Europa e il mondo hanno conosciuto e sofferto. Oggi, parlando a Genova, ha evocato i peggiori metodi squadristi contro gli immigrati: le persone perbene e le coscienze democratiche devono saper respingere queste provocazioni che mirano a raccogliere voti sfruttando rabbia e malcontento”. Così il vicepresidente dei deputati del Pd, Gero Grassi.

9.053 CONDIVISIONI
Casalotti, le fiamme arrivano fino alla scuola del quartiere
Casalotti, le fiamme arrivano fino alla scuola del quartiere
43.724 di Fanpage.it Roma
L'ambasciata russa in Italia ha pagato il volo per far andare Salvini a Mosca
L'ambasciata russa in Italia ha pagato il volo per far andare Salvini a Mosca
Ai Quartieri Spagnoli festa coi botti illegali e musica neomelodica
Ai Quartieri Spagnoli festa coi botti illegali e musica neomelodica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni