2.559 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
20 Luglio 2022
13:57

La posizione della Lega: “Siamo con Draghi, ma solo con nuova maggioranza e governo senza M5s”

Va bene andare avanti con Mario Draghi, ma solo se si forma una nuova maggioranza e un nuovo governo senza il Movimento Cinque Stelle. È questa la posizione emersa dall’intervento del capogruppo della Lega in Senato, Massimiliano Romeo.
A cura di Annalisa Girardi
2.559 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Avanti con Draghi, ma senza i Cinque Stelle: serva una nuova maggioranza e quindi un nuovo governo. È questa in sostanza la posizione emersa dall'intervento del capogruppo della Lega in Senato, Massimiliano Romeo, durante la discussione generale dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio, Mario Draghi. "L'obiettivo è quello di salvare il Paese o salvare il campo largo progressista che è finito nell'inceneritore di Roma? Se l'obiettivo è quello di salvare il Paese, e io ne sono convinto, ci sono un paio di cose di cui prendere atto: in primis che il Movimento Cinque Stelle non fa più parte del governo di unità nazionale. C'è un'incompatibilità alla base: possiamo noi affrontare un'emergenza energetica con chi dice no ai rigassificatori? Non è possibile fare gli interessi del Paese con questi compagni di viaggio. Prendendo atto di questo, bisogna prendere atto anche che è nata una nuova maggioranza. Certo che serve costruire un nuovo patto, ma bisogna costruire una nuova maggioranza e un nuovo governo. Questo è quello che noi chiediamo. Con nuovi obiettivi, anche più ambiziosi visto che non ci sono più i Cinque Stelle", ha detto in Aula.

Da parte di Romeo non sono mancate le accuse al Movimento Cinque Stelle, ma anche al Partito democratico. È "facile dare la colpa" della crisi "al Movimento Cinquestelle, ma non possiamo far finta che il Pd non c'entri nulla o che la scissione del ministro Di Maio non abbia favorito le scelte di Conte", ha detto. Il capogruppo leghista quindi ha condannato "l'irresponsabilità politica di alcune componenti della maggioranza" e ha passato la parola nuovamente a Draghi: "Ci deve essere una grande discontinuità che solo la sua autorevolezza può dare. Quindi a questo punto la scelta spetta a lei".

Ma la Lega, ha sottolineato Romeo, rimane anche sempre pronta per andare al voto: "Il secondo scenario possibile, se non si verificasse quello che ho appena delineato sarebbe quello che qualche analista ha messo in evidenza ricordando il precedente Ciampi: Mattarella può sciogliere le Camere, respingere le sue dimissioni, lei resterebbe con pieni poteri e completerebbe il Pnrr e la legge di bilancio per mettere in sicurezza Paese e consegnare la parola agli italiani".

2.559 CONDIVISIONI
342 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni