2.653 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
16 Agosto 2022
09:02

Il virologo Crisanti in corsa per il 25 settembre: Direzione Pd approva le candidature per le elezioni

La Direzione del Pd ha approvato ieri notte le liste di candidature al Parlamento: il virologo Andrea Crisanti candidato come capolista nella circoscrizione Europa.
A cura di Annalisa Cangemi
2.653 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Dopo una giornata di rinvii e discussioni, la Direzione Pd è iniziata ben 12 ore dopo la prima convocazione, dopo le 23 di un Ferragosto caldissimo. Sul tavolo c'era il nodo delle candidature nei collegi in vista delle elezioni del 25 settembre, questione che tra i dem ha generato non pochi malumori e polemiche. Alla fine, con tre voti contrari, cinque astensioni e diverse rinunce in arrivo, la Direzione del Pd ha approvato le liste di candidature al Parlamento.

"Avrei voluto ricandidare tutti i parlamentari uscenti. Ma è impossibile per la riforma del taglio dei parlamentari ma anche per esigenza di rinnovamento", ha spiegato il segretario del Pd Enrico Letta nel suo intervento.
"Ho chiesto personalmente sacrifici ad alcuni. Mi è pesato tantissimo. Quattro anni fa il metodo di chi faceva le liste era: faccio tutto da solo. Io ho cercato di comporre un equilibrio. Il rispetto dei territori è tra i criteri fondanti delle scelte", ha aggiunto, parlando delle scelte fatte per le candidature. "Termino questo esercizio con un profondo peso sul cuore per i tanti no che ho dovuto dire. Un peso politico e umano, ma la politica è questo: assumere la responsabilità". Infine un ringraziamento a "quanti spontaneamente hanno fatto un passo indietro, comprendendo l'esigenza di rinnovamento. Grazie a loro scelte di rinnovamento". Chi correrà quindi per le prossime politiche?

Il virologo Andrea Crisanti, uno degli esperti protagonisti delle fasi più critiche della pandemia, sarà candidato come capolista nella circoscrizione Europa: "Sono onoratissimo di essere stato candidato dal Partito democratico", ha detto all'Adnkronos Salute il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova. Il segretario della Lega Matteo Salvini commenta così la notizia su Twitter: "Il tele-virologo Crisanti candidato col Pd. Credo che ora si capiscano tante cose".

Il leader dem Letta invece correrà da capolista alla Camera in Lombardia e Veneto, Carlo Cottarelli sarà capolista al Senato a Milano. Tra le candidature in lizza ci saranno anche 4 giovani under 35 indicati come capolista: Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina, Marco Sarracino.

La senatrice uscente Monica Cirinnà, sempre in prima linea nelle battaglie per i diritti della comunità Lgbt, è stata una dei tre voti contrari in direzione alla proposta di Letta, rifiutando la candidatura incerta al Senato che la direzione le aveva assegnato. "La mia avventura parlamentare finisce qui. Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra. Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori". Anche il costituzionalsita Stefano Ceccanti, capogruppo uscente in commissione Affari costituzionali della Camera, si chiama fuori, smentendo seccamente di aver accettato la candidatura a lui offerta: "Leggo con stupore dalle agenzie che sarei candidato numero 4 al proporzionale a Firenze-Pisa.La notizia è destituita di qualsiasi fondamento come ben sa il segretario Letta. Spiegherò nel dettaglio".

Non risulta invece candidato Luca Lotti, l'ex fedelissimo di Matteo Renzi mai passato in Italia Viva, per il cui possibile bis si erano spesi in molti nella corrente di Base Riformista guidata dal ministro Lorenzo Guerini, di cui Lotti fa parte. "Ai tanti che mi stanno scrivendo e mandando messaggi o che si sono preoccupati per me dico solo questo: anche quando alcune scelte sembrano più dettate dal rancore che dalla coerenza politica, mi troverete sempre dalla stessa parte. Dalla parte del Pd. Il Pd è casa mia. Lo sarà anche in futuro", scrive Lotti in un post su Facebook.

2.653 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni