Un pitbull che aggredisce per strada un cagnolino, ferendo il proprietario e un altro passante finiti in ospedale con lesioni non gravi, e costringendo un agente della polizia municipale a sparargli uccidendolo. È accaduto a Montesilvano (Pescara) e l’episodio ha suscitato tante reazioni contrastanti anche in rete, dove nella serata di mercoledì è apparso tra l’altro uno sfogo della proprietaria del cane abbattuto. C’è chi difende l’operato del vigile, "costretto" a sparare contro il cane non riuscendo a fermarlo in altri modi, e chi invece lo condanna. Tantissimi i commenti apparsi sotto una foto che ritrae il pitbull in compagnia di una bambina: “Non ho più lacrime – si legge nel post su Facebook -. Volevo solo presentarvi il mostro cattivo e indomabile che oggi avete ucciso e dirvi che oltre a un ‘cane’ avete ucciso una persona. Tequi il mio cuore per sempre! Avevo promesso che mi sarei presa cura di te ma non ne sono stata all'altezza! Se puoi perdonami! Ora sei libera di correre come tanto ti piaceva fare… Vai amore mio, corri in alto nel cielo… Sei già la stella più bella”.

Centinaia i commenti di solidarietà apparsi sotto al post, compresi quelli di persone che conoscevano il cane e che lo descrivono come “un concentrato di vitalità e allegria” a cui era impossibile non voler bene. Tra i commenti anche quello di una persona che ha scritto di aver assistito a quanto accaduto e di aver visto il cagnolino che sarebbe stato aggredito “senza neppure un graffio”. Secondo quanto emerso ieri, sarebbero stati alcuni cittadini a contattare i vigili urbani segnalando la presenza del pitbull in libertà. Gli agenti intervenuti avrebbero provato a bloccare il cane per leggere il microchip e risalire ai proprietari, ma non sarebbero riusciti a fermarlo. L'animale poi avrebbe aggredito il cagnolino, facendo cadere a terra l'anziano proprietario. I vigili, secondo la ricostruzione, avrebbero provato a fermarlo anche utilizzando spray al peperoncino ma alla fine uno di loro gli avrebbe sparato. I proprietari, una volta individuati, sono stati sanzionati.