Si chiamava Florin Petru Strambu il bambino morto domenica sera a Corinaldo, nella provincia di Ancona, dopo essere caduto in un pozzo di un frantoio. Di origini romene ma nato a Senigallia, il bambino aveva appena cinque anni. Si trovava al frantoio con il papà e la zia quando è caduto in un pozzo dove finiscono gli scarti delle olive. I sommozzatori da Ancona si sono calati nella cavità per tentare di salvarlo ma, quando sono riusciti a estrarre il corpicino, il piccolo Florin era ormai in fin di vita. La corsa in ospedale è stata inutile. A due giorni dalla tragedia resta la disperazione dei suoi cari. “Papo, papo”, è quanto avrebbe urlato il bambino appena caduto nel pozzo per attirare l'attenzione del genitore. Poi il silenzio. A riferire le ultime parole del piccolo è stato suo padre, che come riporta Il Resto del Carlino ha tentato di ricostruire quanto accaduto domenica pomeriggio. Sulla tragedia di Corinaldo indagano i carabinieri. La Procura di Ancona ha aperto un'inchiesta che servirà a chiarire eventuali responsabilità dei gestori del frantoio.

Il drammatico racconto dei genitori del bambino morto nel pozzo.

“Eravamo vicini, ma non ce n’eravamo accorti – ha spiegato Costantin – Eravamo lì io e la zia, stavamo aspettando mia moglie che era dentro il frantoio. Florin era con noi, l’ho sentito gridare ‘papo, papo’, poi più nulla, era come se la sua voce si allontanasse. Mi sono guardato attorno e lui non c’era, poi ho capito che era finito dentro a quel buco e mi sono dato subito da fare, ho cercato una scala, ho chiesto una corda, volevo calarmi, volevo andare a prenderlo. Poi mi hanno dato una scala, ma non si apriva bene, ho provato ad affacciarmi per vedere quello che potevo fare, ma il cattivo odore non me lo ha permesso, così ho pensato che con una maschera sarei riuscito, ma non ce n’era una a disposizione. Sono arrivati i soccorsi, i carabinieri, ma Florin era dentro, non parlava più”. All’arrivo dei soccorritori il papà di Florin è stato trovato completamente sotto choc ed è stato allontanato.

“Era fuori con mia cognata e il padre, e quando sono arrivata mi hanno detto che era finito lì dentro – ha detto in lacrime Monica, la mamma del bambino – Mio marito stava cercando qualcosa per calarsi, voleva entrare a prenderlo, ma Florin non rispondeva più, noi lo chiamavamo ma lui non rispondeva. Mio figlio era morto. Non rispondeva più”. Ora la coppia sta aspettando che la salma del bambino gli venga restituita: “Siamo andati a prendere i vestiti – ha detto ancora il papà – Adesso aspettiamo, ma è terribile tutto questo, sentire il proprio bimbo dire ‘papo papo’ e non vederlo più, non ci sono parole, solo dolore”.