Una bambina resterà “sfregiata a vita” dopo che il suo dito è rimasto intrappolato in una sedia pieghevole dell’Ikea. Le foto choc delle ferite subite da Kaylah Bennett, 14 mesi, nell’incidente avvenuto venerdì sera, sono state rese pubbliche dalla mamma e rilanciate da BirminghamLive. Sophie Marie, di Walsall, stava cucinando insieme alle figlie quando all’improvviso ha sentito urlare la più piccola. I medici sono stati costretti a sottoporla ad un intervento chirurgico d’emergenza per riattaccare il dito perché "meno del 20% era intatto". Ora, la famiglia sta aspettando di capire se l'operazione ha avuto successo. In caso contrario il ditino dovrà essere amputato definitivamente. "Stava scendendo dalla sedia quando questa si è piegata e le sue dita sono rimaste schiacciate tra il metallo” racconta Sophie Marie che è anche mamma di Khyanna, nove anni, e Tiyane, sei. "Sono corsa e ho potuto vedere la punta del suo dito letteralmente appesa, si vedevano le ossa. Non ho mai visto così tanto sangue in vita mia, non smetteva di sanguinare", dice ancora la donna. La bimba è stata operata al Children's Hospital di Birmingham. "Sapremo se ha funzionato solo quando le bende si saranno staccate tra sette giorni. Ma potrebbe semplicemente iniziare a morire, e in quel caso potrebbe essere necessario amputarlo” dice la donna.

La Gunde (6,50€) è una sedia molto popolare

La "Gunde" dell’Ikea è un sedia pieghevole molto popolare anche e soprattutto per il suo prezzo: appena 6,50€. "Abbiamo avuto diverse di queste sedie perché costano poco e si piegano in modo da poterle riporre bene e portarle fuori quando ne hai bisogno. Tutte le mie figlie si sono sedute su quelle sedie, ora però ce ne sbarazzeremo” ammette Sophie Marie. "Ho parlato con Ikea e si sono offerti di rimborsare le spese mediche di mia figlia” dice. “La mia povera bambina, continua a puntare il dito e a dirmi: “sono ferita’. Volevo condividere le foto perché ho paura che accada ad altri bambini. Voglio sapere cosa farà Ikea per fare in modo che un altro genitore non passi questa esperienza traumatica” conclude la mamma di Kaylah.

Il comunicato dell'Ikea sull'incidente

Un portavoce di Ikea ha dichiarato: "Recentemente siamo stati informati di un incidente che ha coinvolto la nostra sedia pieghevole GUNDE. La sicurezza dei nostri prodotti è sempre la nostra massima priorità e non appena ci siamo resi conto di questo incidente abbiamo iniziato un'indagine approfondita. Siamo, ovviamente, profondamente preoccupati nell’apprendere di questo incidente e siamo stati in contatto diretto con la signora Bennett. Continueremo a indagare ulteriormente su questa questione."