Sono ore di apprensione e ansia in Norvegia per la sorte di Anne-Elisabeth Falkevik Hagen, moglie del miliardario Tom Hagen, sequestrata il 31 ottobre scorso mentre si trovava nella sua abitazione a Lørenskog, a meno di 20 chilometri da Oslo. Per il rilascio della donna, che ha 68 anni, i rapinatori hanno chiesto un riscatto. La notizia del suo rapimento è stata diffusa solo oggi, nella speranza da parte degli inquirenti di riuscire a risolvere il caso in tempi rapidi e senza dare risalto mediatico al fatto. La signora Falkevik  è la moglie di Tom Hagen, imprenditore ativo nel settore dell’energia con un immenso patrimonio immobiliare e una ricchezza stimata di 1,7 miliardi di corone (200 milioni di dollari). I due sono sposati da quasi 50 anni, hanno tre figli adulti e da sempre conducono una vita riservata.

Tommy Broske – portavoce della polizia – ha spiegato oggi in conferenza stampa: "Sono state proferite minacce ed è stata fatta una domanda di riscatto", che i sequestratori desiderano riceve in criptovaluta. Le autorità sono convinte che la donna sia stata "rapita in casa e portata via contro la sua volontà", ha proseguito il portavoce, spiegando la polizia ha suggerito alla famiglia di non pagare. Sempre Broske ha dichiarato che la notizia del rapimento è stata resa pubblica solo oggi nella speranza di ottenere testimonianze di chi potrebbe aver notato movimenti sospetti intorno a casa Hagen nei giorni del rapimento. Le autorità non hanno rivelato quando sono state aperte le indagini e a quando risale l’ultimo contatto con i sequestratori. “Abbiamo con loro contatti limitati” attraverso “una piattaforma digitale”, ha detto Broske, sottolineando che non vi è stata alcuna comunicazione da parte della donna dopo la sua scomparsa. La polizia sta effettuando ricerche a tappeto in tutto il paese, ma è stata chiesta la collaborazione anche di Interpol e Europol.