Torino avvolta dalla nebbia (Twitter).
in foto: Torino avvolta dalla nebbia (Twitter).

A Torino sono 16 giorni che non si vede il sole. Un vero e proprio record se si considera che una situazione simile si era registrata soltanto 50 anni fa. A causare questo fenomeno, che sta causando non pochi disagi ai cittadini, soprattutto per quel che riguarda la circolazione e il traffico, è la fitta nebbia che ha coperto la città della Mole, dopo l'allerta meteo delle scorse settimane. Da più di 15 giorni, infatti, Torino è nella morsa del maltempo, con un lieve ma continua pioggia che non dà tregua ai residenti. Il primato senza sole è di 19 giorni nel maggio del 1946, seguito dai 18 dell’ottobre del 1953 e del maggio del 1984, ma per quanto riguarda i mesi autunnali la sequenza di quest’anno è la più lunga dal 1966, quando si contarono anche 13 giorni con qualche precipitazione dal 26 ottobre al 6 novembre.

Sui social network molti sono i torinesi che raccontano le proprie esperienze alle prese con la nebbia e i disagi che ne sono seguiti, soprattutto di sera e alle prime luci del mattino. Lo scorso martedì un uomo di 47 anni è morto in un incidente stradale provocato proprio dalla nebbia, che gli ha impedito di notare una vettura proveniente dalla corsia opposta, sulla circonvallazione di Santena, in provincia di Torino. La situazione, tuttavia, non è destinata a migliorare nei prossimi giorni. Soprattutto in pianura, tenderanno a formarsi nebbie nelle ore più fredde, in maniera più estesa e persistente sul Basso Piemonte e sulle zone orientali, ma a tratti anche sul Torinese. Le temperature si manterranno stabili intorno ai 15/17 gradi, leggermente più alte rispetto alla media stagionale. Tuttavia, a partire dall'inizio della nuova settimana il freddo, stando a quanto riportato dagli esperti, dovrebbe iniziare a farsi sentire con forza, portando le prime gelate, così come sul resto dell'Italia. Il Belpaese sarà colpito dai venti gelidi in arrivo dalla Russia con "Attila", che determinerà l'inizio ufficiale dell'inverno.