186 CONDIVISIONI
24 Maggio 2022
8:17

Il senzatetto derubato e senza reddito di cittadinanza ha riavuto i documenti: offerti spese e cibo

Il Comune ieri gli ha rilasciato la carta d’identità. Le spese di 22,50 euro sono state pagate da un consigliere locale che gli ha offerto anche un panino.
A cura di Pierluigi Frattasi
186 CONDIVISIONI

Ha riavuto i documenti il clochard di Napoli derubato negli scorsi giorni. Il povero senzatetto aveva perso anche la possibilità di incassare il reddito di cittadinanza, perché oltre alla carta d'identità gli erano stati sottratti anche la card gialla e il telefonino. Non avendo soldi e una residenza fissa da indicare, la scorsa settimana non era stato in grado di rinnovare i documenti per poter tornare ad utilizzare l'RdC. Per il rilascio, infatti, occorreva versare una somma di 22,50 euro e indicare una dimora. Ieri, però, il clochard è tornato negli uffici dell'anagrafe comunale della III Municipalità, dove gli è stata finalmente rilasciata la carta d'identità. Le spese amministrative sono state sostenute da un consigliere locale, Carlo Restaino, che gli ha offerto anche cibo e acqua. Mentre grazie all'intervento del personale comunale è stato possibile risolvere anche gli altri problemi amministrativi.

Al senzatetto offerti anche panino e acqua

La sua storia è stata raccontata da Fanpage.it negli scorsi giorni. In suo aiuto si sono attivati anche gli ex compagni di scuola, che l'hanno riconosciuto dalle foto circolate in rete, che si sono offerti di aiutarlo per quanto possibile. "Siamo molto felici che questa storia si sia conclusa bene per il senzatetto – racconta Carlo Restaino, consigliere municipale di Europa Verde – Gli uffici comunali gli hanno finalmente rilasciato la carta d'identità. Dobbiamo ringraziare il personale comunale, la signora Luisa e la dirigente Teresa Fasano, in particolare, che l'hanno aiutato tantissimo, riuscendo a superare tutte le difficoltà. Siamo anche riusciti a fargli le foto tessere per la carta d'identità, sulle quali aveva delle resistenze, e gli abbiamo offerto anche un panino, acqua e dei soldi. Adesso ci ha comunicato che si sarebbe recato alle Poste Italiane per richiedere il duplicato della carta del Reddito di Cittadinanza e speriamo che anche questo ulteriore passaggio possa andare a buon fine velocemente".

186 CONDIVISIONI
Ha 42 anni, da 7 non trova lavoro, laureata e vive a casa dei suoi genitori con il reddito di cittadinanza
Ha 42 anni, da 7 non trova lavoro, laureata e vive a casa dei suoi genitori con il reddito di cittadinanza
908.814 di Carmine Benincasa
Sulla scogliera di Bacoli c'è la risposta a chi è contro il reddito di cittadinanza
Sulla scogliera di Bacoli c'è la risposta a chi è contro il reddito di cittadinanza
La storia di Sabrina, laureata con master, 42 anni.
La storia di Sabrina, laureata con master, 42 anni. "Prendo il Reddito di cittadinanza ma voglio un lavoro"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni