Ben 221 flaconi di farmaco "Alcover", spesso utilizzato in maniera illegale come "droga da stupro", nascosti in una casa di Trecase, comune in provincia di Napoli, sigillati all'interno di buste di plastica. A scoprirle i carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, supportati dai militari del Reggimento Campania e del Nucleo Cinofili di Sarno, che si sono avvalsi del prezioso contributo di un amico speciale, il cane poliziotto Willy, pastore tedesco in forza al Nucleo Cinofili, una sorta di "Commissario Rex" campano, ma addestrato specificamente, tra le altre cose, anche per il rinvenimento delle droghe sintetiche.

Le fiale della cosiddetta "droga da stupro" erano nascoste nelle buste di plastica all'interno di diverse stanze dell'abitazione di un 43enne già noto alle forze dell'ordine, che è stato arrestato. La pericolosa sostanza psicotropa, conosciuta anche come "ecstasy liquida", ha potenti effetti inibitori a livello cerebrale, in pratica riesce a stordire le vittime, facendo perdere loro conoscenza. La droga era conservata all'interno di fiale di diverso volume. Il ritrovamento è stato fatto anche grazie a Willy, il pastore tedesco del Nucleo Cinofili addestrato al rinvenimento anche delle droghe sintetiche. Controlli sono stati messi in atto dai militari nei comuni dell'area vesuviana sud-orientale di Trecase, Terzigno e Ottaviano. L'Alcover è in realtà un farmaco che viene utilizzato come anestetico chirurgico anche per i dolori del parto. Purtroppo, però, c'è chi ne fa un uso abusivo e illegale, perché combinato con l'assunzione di alcol si trasforma in un potente sedativo, in grado anche di far perdere i sensi alle vittime e viene usato purtroppo dai malintenzionati per intontire le ragazze prima di abusare di loro.