363 CONDIVISIONI
26 Settembre 2022
16:06

Jabil licenzia 190 operai a Marcianise con una pec: operai in presidio davanti ai cancelli

Operai davanti ai cancelli della Jabil di Marcianise dopo le lettera di licenziamento. Arriva anche il sindaco Velardi: “Provvedimento gravissimo”
A cura di Giuseppe Cozzolino
363 CONDIVISIONI

Operai in presidio davanti allo stabilimento della Jabil di Marcianise, nel Casertano, dopo la comunicazione dell'azienda dell'avvio della procedura di licenziamento per 190 operai. A raggiungerli c'è stato anche il sindaco Antonello Velardi, che ha portato loro la solidarietà dell'amministrazione comunale. Nei prossimi giorni si attende la risposta di sindacati ed organizzazioni per scongiurare il nuovo licenziamento, che segue quello di altre 250 persone licenziate negli ultimi anni dall'azienda.

L'azienda: "Scelta difficile ma obbligata"

L'azienda Jabil di Marcianise, in provincia di Caserta, ha comunicato venerdì 23 settembre l'avvio della procedura di licenziamento per 190 lavoratori. Lo ha fatto con una pec, fanno sapere i lavoratori, l'equivalente elettronico di una raccomandata con ricevuta di ritorno: la stessa azienda che si occupa della produzione di componenti e circuiti elettronici ha poi parlato in una nota di "scelta difficile ma obbligata", nonché "determinata dalla necessità di mettere in sicurezza lo stabilimento di Marcianise, assicurandone la sostenibilità economica così da poter salvaguardare i 250 posti di lavoro rimanenti".

Il sindaco Velardi: "Provvedimento gravissimo"

Il sindaco Antonello Velardi questa mattina ha raggiunto la fabbrica dove si trovano gli operai in presidio. Non è la prima volta che il primo cittadino di Marcianise scende in prima linea per scongiurare i licenziamenti: era già accaduto tre anni fa, quando iniziarono i primi licenziamenti. Velardi ha ribadito "la gravità di un provvedimento che rappresenta un colpo durissimo all'apparato della zona con riflessi sociali di straordinario danno", chiedendo anche che "diversa soluzione" per lo stabilimento che si trova nella zona industriale della città.

Questa la nota completa pubblicata dal Comune di Marcianise:

L'Amministrazione Comunale di Marcianise esprime la sua forte vicinanza ai lavoratori dello stabilimento Jabil di Marcianise, impegnati in una dura vertenza a seguito della procedura di licenziamento collettivo avviata nei giorni scorsi dall'azienda. Una delegazione dell’Amministrazione Comunale, guidata dal vicesindaco Tommaso Rossano, è stata stamattina all'ingresso dei cancelli dello stabilimento per far sentire la solidarietà propria e dell'intera città ai lavoratori riuniti in assemblea.
Nel ribadire la vicinanza alle maestranze, l'Amministrazione Comunale sottolinea la gravità di un provvedimento che rappresenta un colpo durissimo all'apparato della zona con riflessi sociali di straordinario danno. Il Comune di Marcianise, attraverso il sindaco Antonello Velardi, è stato sempre presente in tutte le fasi della complessa trattativa che ha condotto ai licenziamenti, partecipando a diversi tavoli di confronto in sede ministeriale. Rivelatisi infruttuosi.
L'Amministrazione Comunale auspica una diversa risoluzione e invita caldamente tutte le istituzioni che ne abbiano titolo ad interloquire nei modi e nei tempi giusti con l'azienda affinché si astenga da iniziative che appaiono ancor più gravi per le modalità scelte che richiamano stagioni buie del conflitto sociale nella storia industriale italiana.

363 CONDIVISIONI
Crolla il tetto di un capannone, muore un operaio a Casal di Principe nel Casertano
Crolla il tetto di un capannone, muore un operaio a Casal di Principe nel Casertano
L'operaio Francesco precipita dal tetto e muore a 49 anni, lutto a Cesa:
L'operaio Francesco precipita dal tetto e muore a 49 anni, lutto a Cesa: "Grande lavoratore e papà"
Precipita in una vasca profonda 10 metri, operaio di 55 anni muore sul lavoro
Precipita in una vasca profonda 10 metri, operaio di 55 anni muore sul lavoro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni