41

condivisioni

CONDIVIDI
17 Gennaio 2022 10:01

Crollo Cimitero Poggioreale, 23 gennaio messa del vescovo Battaglia in Duomo per ricordare i morti

La Curia di Napoli ha invitato tutte le confraternite della diocesi e della provincia di Napoli a partecipare alla messa per i morti coinvolti nel crollo.
A cura di Pierluigi Frattasi

Una messa in Duomo domenica 23 gennaio 2022 celebrata dall'arcivescovo di Napoli, don Mimmo Battaglia, per ricordare i defunti che erano nelle nicchie coinvolte nel crollo delle due congreghe di San Gioacchino e dei Dottori Bianchi nel cimitero di Poggioreale, avvenuta il 5 gennaio scorso. Il metropolita si è reso disponibile anche a ricevere i parenti dei defunti sempre nella Cattedrale cittadina. Il cimitero monumentale di Poggioreale, intanto, resta ancora chiuso e sotto sequestro della Procura di Napoli che sta svolgendo i rilievi. Sabato scorso, intanto, all'esterno del cimiero di Poggioreale si è tenuta una veglia spontanea alla quale ha preso parte anche l'assessore ai cimiteri Vincenzo Santagada.

La lettera della Curia alle famiglie

Al Cimitero, intanto, proseguono le attività degli investigatori per identificare i resti mortali che sono nelle macerie. Mentre si pensa ad un mausoleo per onorare i cosiddetti morti senza nome che non dovesse essere possibile riconoscere tramite il Dna. Nella giornata di ieri, la Curia di Napoli ha inviato una lettera a tutte le Arciconfraternite diocesane, firmata dal don Giuseppe Tufo, responsabile delle congreghe.

Mi rivolgo a tutte le Confraternite diocesane in ogni loro elemento e componente, dai Governi, ai singoli confratelli e consorelle, ai deputati di terrasanta, ai novizi, agli incaricati e a chiunque frequenti operosamente la vita associativa – si legge nella missiva-  appellandomi alla loro forza spirituale e alla loro capacità di essere testimoni di comunione e solidarietà.

Dobbiamo stringerci, senza indugio, intorno alle due Confraternite che lo scorso 5 Gennaio, nel Cimitero Vecchio di Poggioreale, hanno subito il crollo delle proprie cappelle cimiteriali;  dobbiamo far sentire la nostra vicinanza, nella preghiera e nella fede,  a quanti oggi, in attesa che le Autorità preposte compiano i necessari accertamenti, soffrono per le spoglie dei propri cari disseminate tra le macerie e che aspettano, con paziente ed intuibile dolore, che le stesse vengano restituite al sepolcro.

La lettera prosegue annunciando poi la messa in Duomo del 23 officiata da don Battaglia:

Proprio a questo scopo il nostro amato Arcivescovo, Mons. Domenico Battaglia, Domenica 23 Gennaio 2022, alle ore 11.00, celebrerà in Cattedrale a Via Duomo una Santa Messa in memoria e a suffragio dei defunti le cui spoglie giacciono tra i resti del crollo.

È di fondamentale importanza che l’intero mondo delle Confraternite partecipi numeroso a questa Celebrazione e faccia sentire, forte e calorosa, la propria presenza ed il proprio sostegno morale in una situazione così difficile e dolorosa.

Ogni Confraternita diocesana, a Napoli e in Provincia, è dunque chiamata a prendere parte a questa Messa cosicché ancora una volta la rete delle Confraternite diocesane dia prova concreta di fratellanza e comunione.

Invito ciascun confratello e consorella a partecipare alla Santa Messa  indossando anche i medaglioni distintivi della propria Confraternita che costituiscono ancora un baluardo vivo e prezioso per la Fede della nostra terra e che, in ogni avversa circostanza,  sanno fare quadrato ed essere sostegno per chiunque ne abbia bisogno.

A Napoli 100 morti dimenticati dai parenti vanno nell'ossario comune, il cimitero fa spazio dopo 10 anni
Covid Campania, oggi 8.161 contagi e 11 morti: bollettino di sabato 23 aprile 2022
Cinque bambini gravemente malati in fuga da Mariupol ricoverati al Santobono di Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni