Bloccati i rinnovi delle Carte d’Identità elettroniche al Comune di Napoli in 7 Municipalità su 10. Nelle altre è possibile prendere l’appuntamento, ma le prime date disponibili sul sito del ministero dell'Interno sono a luglio ed agosto 2021. Tra 7 mesi. Un problema non di poco conto per chi in questi giorni ha il proprio documento di riconoscimento scaduto o in scadenza. Come fare? Un piccolo aiuto burocratico arriva dalle norme anti-Covid19 del Governo, che, spiegano dal Comune di Napoli, hanno prorogato la validità delle carte d’identità scadute fino al 30 aprile prossimo. A causa della pandemia, infatti, gli uffici comunali sono stati costretti a rivedere le modalità di ricevimento dell’utenza, solo su appuntamento, con mascherina obbligatoria e distanziamento. Il Comune inoltre sta lavorando per ripulire le liste d’attesa da coloro che hanno prenotato ma non si presentano.

Carta d'identità scaduta valida fino al 30 aprile 2021

Le carte d’identità quindi saranno valide fino al 30 aprile. Ma come comportarsi però da maggio fino all’avvio della pratica per il rinnovo in estate? “I documenti scaduti – precisano da Palazzo San Giacomo – sono validi per le identificazioni”. Si tratterebbe quindi di pazientare circa 3-4 mesi ancora. Sul sito del ministero dell’Interno è possibile visionare il calendario degli appuntamenti presso gli sportelli anagrafe del Comune di Napoli. Alla III Municipalità sede Stella di via Lieti, per esempio, dove non si riceve senza appuntamento, la prima disponibilità è per il 1 luglio 2021. Alla V Municipalità Vomero-Arenella, sede dell’Arenella di via Giacinto Gigante, si riceve senza appuntamento, ma la prima disponibilità è il 13 agosto 2021. A Bagnoli, Fuorigrotta e Soccavo, invece, “la sede non offre al momento disponibilità per prenotare un appuntamento. Si prega di riprovare in un secondo momento, altri cittadini potrebbero cancellare nel frattempo il loro appuntamento. Per ulteriori informazioni inerenti alla mancanza di disponibilità si prega di far riferimento direttamente alla sede”. Meglio funzionano le cose a Montecalvario, nella II Municipalità, dove i tempi di attesa sono più brevi: 27 aprile.

Il Comune: “Ridurremo liste d'attesa”

“Stiamo verificando con le Municipalità – spiegano dal Comune di Napoli – gli appuntamenti non  evasi per ottimizzare i tempi di attesa. Le agende sul sito del ministero degli Interni sono gestite direttamente da loro. Stiamo lavorando anche sulla digitalizzazione di alcuni servizi per sgravare alcune attività e liberare così tempi utili per efficientare le operazioni che cumulano maggiori tempi di attesa per i cittadini”. Le liste d’attesa, insomma, nei prossimi mesi potrebbero ridursi, grazie a questo lavoro di ripulitura che stanno facendo gli uffici.