Il legame tra uomini e animali raggiunge talvolta livelli inimmaginabili, come testimonia quello che è avvenuto nelle Marche a Rosa Marcantoni e al suo inseparabile cagnolino Pupi. La donna, 90 anni, viveva in un appartamento di Civitanova Marche e dopo aver perso il marito aveva trovato nell'animale un enorme conforto e una compagnia costante e inseparabile, in grado di consolarla nei momenti di maggiore tristezza.

Insomma, Pupi era di fatto diventato un vero e proprio compagno di vita, tanto più perché nonostante l'età avanzata la signora Rosa godeva ancora di buona salute e poteva quindi uscire quasi ogni giorno di casa insieme all'animale. Come racconta il quotidiano Cronache Maceratesi alcuni giorni fa l'anziana è andata a fare colazione insieme a una delle due figlie decidendo, per una volta, di lasciare Pupi a casa. Quando le due donne sono rientrate il cagnolino era disteso a terra, immobile. Era morto da qualche minuto e a nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo.

La figlia della donna ha chiamato il veterinario, mentre Rosa ha cercato ancora di chiamare il cane: all'improvviso ha iniziato ad accusare un malore. In pochi minuti, l’anziana ha perso conoscenza e la figlia ha allertato la Croce verde, giunta nell’abitazione insieme al personale medico sanitario del Suem 118. Purtroppo, però, Rosetta all’arrivo dell’ambulanza era già morta e per lei non c’è stato nulla da fare.