121 CONDIVISIONI
13 Giugno 2022
8:00

Omicidio-suicidio a Vanzaghello, l’ipotesi di una relazione tra assassino e vittima

Dai telefonini emergerà la verità sull’omicidio-suicidio di Vanzaghello: l’ipotesi più accreditata, per il momento, è che i due avessero una relazione nascosta. La donna ha sparato all’uomo nel sonno, e poi si è lanciata nel vuoto.
A cura di Francesca Del Boca
121 CONDIVISIONI
Franco Deidda e il palazzo dove sono stati rinvenuti i corpi, a Vanzaghello
Franco Deidda e il palazzo dove sono stati rinvenuti i corpi, a Vanzaghello

È ancora tutto da chiarire quanto accaduto ieri  in via Arno a Vanzaghello, nel Milanese. Quello che è certo fino ad ora è che il cadavere di Franco Deidda, agente di commercio di 62 anni, è stato ucciso da un colpo di pistola alla tempia e trovato nella sua casa, mentre il cadavere di Daniela Randazzo, segretaria scolastica di 57 anni, è stato trovato in cortile con una pistola a fianco. I vicini avrebbero sentito due colpi: uno più ovattato e uno più forte. L'ipotesi più credibile al vaglio dei carabinieri e inquirenti è che la donna abbia ucciso l'uomo, per poi andare sul balcone e rivolgere la pistola contro di sé prima di lasciarsi andare nel vuoto. Ma perché?

L'ipotesi di una relazione tra i due

Saranno probabilmente i telefonini a raccontare cosa sia successo in quella mansarda: come i due si siano conosciuti, e come siano giunti a quel drammatico epilogo. L'ipotesi più accreditata, per il momento, è che avessero una relazione all'insaputa delle rispettive famiglie e amicizie. Forse Daniela Randazzo non riusciva più a vivere con il peso di aver intrapreso una relazione di nascosto, o forse era lui a voler troncare? Qualsiasi sia la motivazione, la donna ha sparato a Franco Deidda con una delle armi dell’uomo (che era istruttore di tiro) mentre lui dormiva, per poi gettarsi giù dal balcone. I carabinieri, coordinati dal pm Stefania Brusa, da sabato stanno ascoltando i conoscenti delle due vittime, ma nessuno sembra fosse a conoscenza della loro relazione. Sono state disposte le autopsie.

121 CONDIVISIONI
Come ha fatto la donna trovata morta nel bagagliaio di un'auto a suicidarsi senza l'aiuto di nessuno
Come ha fatto la donna trovata morta nel bagagliaio di un'auto a suicidarsi senza l'aiuto di nessuno
La storia dell'omicidio di Lavdije Kruja detta Dea, dalla scomparsa alla condanna di Franco Vignati
La storia dell'omicidio di Lavdije Kruja detta Dea, dalla scomparsa alla condanna di Franco Vignati
Com'è possibile che nessuno dei vicini di Carmela Fabozzi abbia visto o sentito nulla dell'assassinio
Com'è possibile che nessuno dei vicini di Carmela Fabozzi abbia visto o sentito nulla dell'assassinio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni