341

condivisioni

CONDIVIDI
4 Giugno 2021 12:27

La sfida mortale dei ragazzi che si sdraiano in strada di notte per postare i video sui social

"Questa sera mi è stata segnalata quest'ultima grave "genialata" messa in atto da parte di alcune adolescenti del nostro paese", scrive il sindaco Dovera, un piccolo comune nel cremasco, Mirko Signoroni. Il primo cittadino si riferisce alla planking challenge, una sfida che consiste nello sdraiarsi a pancia in giù con le braccia rigide nei luoghi più impensabili.
A cura di Ilaria Quattrone

Si chiama planking challenge la sfida che da diversi mesi sta dilagando tra i giovani e che consiste nello sdraiarsi a pancia in giù con le braccia rigide nei luoghi più impensabili. In provincia di Cremona sono stati segnalati già due casi, l'ultimo sarebbe avvenuto il 31 maggio. A darne notizia è stato il sindaco di Dovera, un piccolo comune nel cremasco, Mirko Signoroni.

Le forze dell'ordine monitorano la zona

In un post sul suo profilo Facebook il primo cittadino Signoroni ha raccontato di aver ricevuto la segnalazione da parte di alcuni residenti allarmati. I cittadini hanno raccontato di aver visto delle ragazzine del paese sdraiarsi sulla careggiata al buio attendendo il passaggio di un mezzo per poi spostarsi all'ultimo momento. Da lì, il pensiero che le adolescenti stiano replicando la sfida social. Una sfida molto rischiosa e che potrebbe concludersi in tragedia. Per questo motivo c'è la massima attenzione anche dalle forze dell'ordine. Stando a quanto riportato dal quotidiano "Il Corriere della Sera", sono stati attivati dei servizi notturni nella zona con la speranza di evitare il peggio.

Il sindaco: Ma dove vogliamo arrivare

Oltre a sorvegliare la zona, il comando provinciale ha affermato che si stanno analizzando e monitorando diversi profili social. L'obiettivo di questa sfida è proprio quella di postare i video sui canali Instagram o TikTok: "Questa sera mi è stata segnalata quest'ultima grave "genialata" messa in atto da parte di alcune adolescenti del nostro paese", scrive sempre il primo cittadino che poi conclude il post dicendo: "Ma dove vogliamo arrivare?".

Continua a leggere su Fanpage.it
Ragazze morte nei campi di mais, si è costituito il 21enne ricercato: era con loro quella notte
Milano, ragazzo di 27 anni aggredito per strada: è ricoverato in gravi condizioni
Accoltellamento nella notte a Milano: greve ferita al torace per un ragazzo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni