Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Restano sempre alti i ricoveri Covid all'ospedale Sant'Anna di Como e a quello di Cantù, ovvero le strutture gestite dall'azienda socio territoriale Lariana. Stando proprio a quanto riferito dall'Asst a Fanpage.it, sono in tutto 233 i malati che necessitano ancora di una assistenza ospedaliera: di questi 169 sono ricoverati al Sant'Anna, 30 all'ospedale canturini e il resto distribuito nelle altre strutture della zona. E ancora: 15 sono i pazienti più gravi in terapia intensiva a Como e 4 quelli di Cantù. Dati che fino ad ora non preoccupano, ma che comunque restano costanti senza mai calare veramente.

Parte dei malati sono i ricoverati di dicembre e parte sono i nuovi contagi

Dall'ospedale fanno sapere che le corsie degli ospedali restano comunque piene di pazienti. Tra questi ci sono soprattutto malati entrati in reparti Covid nelle settimane precedenti al Natale e che faticano a guarire completamente, altri invece sono i più gravi tra i nuovi contagi del post periodo natalizio. Si teme, infatti, che le visite a parenti e amici durante le feste possano riportare nei prossimi giorni a un picco di contagi negli ospedali della Lombardia: "La speranza è che la situazione non precipiti", fanno infatti sapere d'Asst Lariana.

A Como 239 casi per 100mila abitanti

La provincia di Como resta ancora uno dei territori più colpiti dalla pandemia. Soprattutto dopo che una mappa basata sui dati del Ministero della Salute e di Agenas ha riconosciuto Como tra le tre province con più numeri di contagi in rapporto alla popolazione: dopo Mantova e Sondrio, la città che affaccia sul lago infatti fa registrare 239 casi per 100mila abitanti, sfiorando così la soglia dei 250 oltre i quali scatterebbe il lockdown. Negli ultimi giorni i dati sui nuovi casi giornalieri riportati da Regione Lombardia si aggirano in media tra i 100 e gli oltre 250, con un picco di 423 nuovi positivi domenica 10 gennaio. Intanto però la campagna vaccinale prosegue: il vaccino infatti non è che l'unica arma a disposizione per frenare la pandemia.