Un fine settimana con sole e temperature miti. Così, secondo gli esperti meteo, sarà il weekend che sta per arrivare, il primo della primavera 2019. Giorni durante i quali gli esperti assicurano che il clima sarà così mite da permetterci di indossare anche le maniche corte. Ma subito dopo il weekend qualcosa cambierà di nuovo dal punto di vista meteorologico. Gli esperti del sito ilmeteo.it spiegano che il caldo di queste ore deriva dalla presenza dell'Anticiclone delle Azzorre – che avvolgerà gran parte dell’Italia e che sabato regalerà una giornata all'insegna del bel tempo e delle temperature in aumento soprattutto al Nord (in città come Trento, Bolzano e Trieste si raggiungeranno i 24-25 gradi) – ma da domenica, nonostante la permanenza dell'alta pressione, si prevede un graduale e moderato aumento delle nubi sulle regioni del Nord-Italia, in particolare sul Nord-ovest della penisola. Sono questi, secondo gli esperti, gli inequivocabili primi segnali che qualcosa andrà nuovamente cambiando.

Lunedì torna l’inverno – E qualcosa appunto cambierà già lunedì 25 marzo: “L'alta pressione – sottolineano gli esperti meteo – si sposterà e si innalzerà verso il mare del Nord e il Regno Unito favorendo l'arrivo irruento di aria molto fredda dal Polo Nord; aria che entrerà dapprima dalla valle del Rodano, poi dalla porta della Bora. In questo frangente potranno scoppiare forti temporali su gran parte delle Regioni settentrionali”. La situazione climatica sul nostro Paese sarà dunque destinata a subire un brusco e improvviso raffreddamento. Atteso un netto crollo dei termometri su tutta la penisola. Fra martedì 26 marzo e mercoledì 27 le temperature massime potranno perdere anche oltre 10-15 gradi rispetto a questi giorni su molte regioni, con un ritorno a condizioni praticamente invernali.