A una settimana dall'inizio dell'autunno il caldo e le alte temperature continuano a interessare gran parte dell'Italia, con il termometro che farà registrare 4/5 gradi in più della media del periodo sfiorando anche i 30 gradi. Il "belpaese" resta dunque protetto da un debole campo di alta pressione, anche se non mancheranno episodi locali di instabilità a causa di infiltrazioni di aria umida atlantica, che potrà favorire brevi temporali, soprattutto attorno ai rilievi, in forma occasionale anche sulle pianure del Nordovest. Per l’inizio della prossima settimana i cambiamenti non saranno sostanziali: una perturbazione (la numero 3 di settembre) si avvicinerà molto lentamente dalla Spagna determinando, tra martedì e giovedì, un progressivo peggioramento del tempo nelle regioni occidentali. Successivamente è atteso un aumento della nuvolosità sulle Isole Maggiori e al Centronord con anche un incremento dell’instabilità e quindi del rischio di piogge e temporali; meglio sul Sud peninsulare con l’alta pressione che dovrebbe reggere.

Per quanto riguarda la giornata di oggi il tempo sarà soleggiato e caldo in tutto il paese. Al Nord, in particolare sulle regioni occidentali, stamattina qualche locale rovescio in Piemonte e su nord-ovest Lombardia, situazione che permarrà nel pomeriggio. Possibili  temporali anche lungo l’Appennino soprattutto nel tratto romagnolo e marchigiano e sui rilievi della Calabria. Venti in generale deboli. Temperature senza grosse variazioni.

Domani, lunedì 17 settembre, giornata ancora piuttosto soleggiata ma caratterizzata da alcuni passaggi nuvolosi, soprattutto in Sardegna e al Nordovest, e dallo sviluppo nel pomeriggio di piogge o temporali su Alpi occidentali e orientali, lungo l’Appennino, specie sui rilievi del Centro, sulla Sardegna orientale.