Non sarà un ponte dell'Immacolata con bel tempo e temperature miti. E' infatti confermato per la giornata di domani l'arrivo di una perturbazione dal nord Europa, pilotata niente meno che da un lobo del vortice polare che andrà posizionandosi sulla Scandinavia. Il fronte dovrebbe attraversare tutta l'Italia, da Nord a Sud, portando a un nuovo calo delle temperature con piogge, nevicate e aria decisamente rigida, di estrazione artica. Non tutte le regioni saranno tuttavia interessate direttamente. Il Nordovest, infatti, godrà di condizioni meteo sicuramente favorevoli

Per la giornata di oggi sono in aumento le nubi sulle aree tirreniche, Liguria e progressivamente Valpadana centro-occidentale; qualche pioggia o pioviggine possibile su Levante ligure, alta Toscana e sulla Venezia-Giulia. Da domani piogge e rovesci sparsi su Nordest e al Centro, più forti su Friuli Venezia Giulia, Toscana, poi anche Umbria e Lazio; qualche pioggia anche in Sardegna. Sul Nordovest la situazione sarà decisamente migliore, salvo maggiori piogge sullo spezzino e locali nevicate sui settori alpini di confine. In gran parte in ombra pluviometrica anche il medio versante adriatico, soprattutto l'Abruzzo. Qualche pioggia infine anche in Campania, resto del Sud in attesa. Nevicherà  mediamente oltre 600-1000 metri sui settori alpini interessati dai fenomeni, oltre 1.300-1.500m sull'Appennino centrale.

Per quanto riguarda sabato ci saranno piogge sparse su medio versante Adriatico e al Sud, più forti tra Marche, Abruzzo, Molise, Gargano, nonché bassa Campania, Calabria tirrenica, Nordest Sicilia. Fenomeni residui anche su Nordest e centrali tirreniche ma in esaurimento, sole su Nordovest e Sardegna. Il clima in generale sarà più freddo e ventoso ovunque, con neve a tratti in pianura non esclusa tra Romagna e Marche, oltre 300-700m al Centro, in calo sotto i 1000m anche al Sud. Domenica breve tregua, salvo qualche rovescio sul basso Tirreno, ma dalla sera si avvicina una nuova perturbazione al Nord, con qualche sorpresa bianca possibile.