Una nuova perturbazione atlantica è in arrivo sulla penisola. Una perturbazione che, secondo gli esperti meteo del sito ilmeteo.it, interesserà inizialmente il Nord-Italia, in particolare le regioni occidentali, poi via via, entro la giornata di oggi, scenderà anche verso il Centro e in parte del Sud. La neve – fanno sapere i meteorologi – complici le temperature piuttosto basse potrà scendere ancora una volta fino in pianura, questa volta colpendo principalmente il Piemonte e la Lombardia occidentale. Sono attese nevicate sulle città di Torino, Asti, Alessandria, Milano, Pavia, Monza, Lodi, Piacenza e Parma. Si tratterà comunque di una fase di maltempo molto veloce, infatti già da domani, giovedì 20 dicembre, gli esperti meteo si aspettano ultime piogge sulle regioni del Centro specie del versante tirrenico. Poi, dopo questo veloce passaggio perturbato, la pressione tornerà ad aumentare su tutta l'Italia. Ad affermarlo è Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito ilmeteo.it, secondo cui la pressione tornerà appunto ad aumentare riportando una certa stabilità, ma anche nebbie diffuse sulla Pianura Padana, con pericoli per la circolazione stradale.

Le temperature – Per quanto riguarda le temperature, si registrano valori ancora bassi al Nord, mentre a partire da domani aumenteranno al Centro-Sud. Da venerdì è previsto un aumento dei valori anche sulle regioni settentrionali, ma si percepirà in misura inferiore a causa delle nebbie. Per quanto riguarda il prossimo weekend, non è da escludere la possibilità che deboli piovaschi raggiungano ancora le coste tirreniche. Altrove invece il tempo dovrebbe essere più stabile con prevalenza di sole e temperature in aumento con punte fin verso i 14- 15 gradi in Sardegna e Sicilia. Sole anche sulle Alpi per la gioia dei tanti amanti degli sport invernali che potranno godersi un bel weekend dopo le nevicate previste in questi giorni.