foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

La Procura della Repubblica di Tempio Pausania, in Sardegna, ha aperto un'inchiesta su un caso di presunti maltrattamenti nei confronti dei bimbi dell'asilo nido comunale di Arzachena.

Stando a quanto riporta l'Unione Sarda, ci sarebbero già due donne iscritte nel registro degli indagati: si tratterebbe della coordinatrice scolastica, l'educatrice K.T., e della rappresentante della cooperativa che gestisce il servizio, P.T..

A coordinare le indagini è il commissariato di polizia di Porto Cervo, che si è avvalso anche dell'installazione di microtelecamere all'interno delle aule dell'istituto, documentando maltrattamenti ai danni di giovanissimi alunni. Gli inquirenti avrebbero provato il ricorso a metodi bruschi da parte delle educatrici, metodi che sarebbero stati anche oggetto di segnalazioni al Comune di Tempio Pausania.

Condannate due maestre di una scuola materna di Parma

La notizia sui presunti maltrattamenti di Tempio Pausania fa il paio con quelli avvenuti a Colorno, in provincia di Parma: il tribunale della città emiliana ha condannato due maestre della scuola materna che erano state tratte in arresto lo scorso maggio, entrambe giudicate colpevoli. Il giudice ha inflitto una pena di tre anni e quattro mesi per Anna Pierina Smaldone e due anni e sei mesi per Giuseppa Genovese. Le due inoltre dovranno versare 126mila euro di risarcimenti. Le indagini, che si erano avvalse anche dell'utilizzo di telecamere nascoste, avevano documentato un clima di terrore a danno di bambini fra i 3 e i 5 anni.