Grandine a Rodi Garganico (Twitter).
in foto: Grandine a Rodi Garganico (Twitter).

Il maltempo continua a fare danni da un angolo all'altro della penisola italiana. Dopo la neve scesa copiosa a Cortina d'Ampezzo e allagamenti in varie aree di Veneto e Trentino, anche il Sud è stato colpito da violenti nubifragi e grandine. Disagi si sono registrati in particolare, nella zona del Gargano, in provincia di Foggia, Puglia, dove poco distante dal Lido del Sole sono stati fatti evacuare alcuni campeggi a causa del livello dell'acqua che ha raggiunto e anche superato l'altezza di un metro, mentre la litoranea, su lunghi tratti, è stata invasa da detriti e fango. I vigili del fuoco, intervenuti con diverse squadre, hanno lavorato per ore ininterrottamente, compiendo centinaia di operazioni per allagamenti e altre richieste di aiuto. "Se la situazione meteorologica non migliora – hanno concluso i pompieri – ci saranno problemi enormi". I chicchi di grandine, grandi come noci, come testimoniano le immagini condivise sui social network da cittadini e turisti, hanno danneggiato anche molte automobili.

Problemi anche alla linea ferroviaria nel tratto Ischitella–Rodi Garganico–San Menaio, che è stata danneggiata dall’acqua e dal fango dei vicini canali esondati che hanno ricoperto i binari e in molti tratti hanno portato via la ghiaia della massicciata. Le Ferrovie del Gargano hanno reso noto che, fino a nuovo avviso, i collegamenti ferroviari sulla tratta Apricena–Peschici Calenella sono interrotti. Le corse dei treni sono momentaneamente sostituiti dagli autobus, rispettando gli stessi orari. Sulla tratta Foggia–San Severo–Apricena, invece, il servizio ferroviario procede regolarmente. Non solo. La violentissima grandinata "ha messo ko definitivamente i settori olivicolo e agrumicolo e gli ortaggi, già duramente danneggiati dalle gelate di febbraio e marzo scorsi", è la denuncia di Coldiretti Foggia in una nota. "Molte strade risultano tuttora impraticabili e soprattutto nelle aree rurale gli accessi sono praticamente impossibili – aggiunge il direttore Marino Pilati – con il conseguente blocco dei trasporti, a causa del quale non possono essere ritirati o consegnati i prodotti deteriorabili come latte e ortaggi". Tuttavia, nelle prossime ore il meteo dovrebbe migliorare, stando alle previsioni: l'alta pressione africana si espanderà di nuovo sull'Italia, portando sole e un aumento delle temperature.