Lui si chiama Micheal Gargiulo ed è accusato di aver ucciso quattro donne tra cui l’ex fidanzata di Ashton Kutcher, l'ex marito di Demi Moore, uccisa con 47 coltellate la notte degli Grammy Awards. Gargiulo, oggi 43enne soprannominato dai media lo squartatore di Holliwood, o anche il killer della porta accanto, verrà ascoltato proprio in questi giorni nel processo che lo vede imputato per quattro omicidi. L'esordio criminale di Gargiulo è avvenuto in età adolescenziale, quando i suoi istinti sono diventati per lui inesorabili. Allora residente in Illinois con la famiglia, Micheal aveva 17 anni quando ha pugnalato a morte (47 volte) la sua vicina di casa, la diciottenne Tricia Pacaccio. Il delitto, che ebbe un forte impatto sulla popolazione locale, è rimasto per anni irrisolto.

La seconda vittima, invece, è stata proprio la fidanzata dell'attore che interpretò Steve Jobs. Il delitto risale alla notte del il 21 febbraio 2001, quando Ashley Ellerin, la vittima, avrebbe dovuto partecipare insieme al fidanzato al party per i Grammy: non ci andò mai. Fu sorpresa da una raffica di coltellate nella sua casa in California. Fu proprio quello che sarebbe diventato il marito di Demi Moore, rientrando, a trovare il corpo. "Vidi delle macchie per terra, sembrava vino" avrebbe poi raccontato, parlando del sangue di Ashley.

La sua sete di morte non si placa e nel 2005 uccide, stavolta con 17 coltellate, Maria Bruno, la sua vicina a El Monte. Avrebbe continuato all'infinito se non fosse accaduto qualcosa di imprevisto a Santa Monica, nel 2008, quando ha aggredito la vicina, Michelle Murphy. Michelle ha fatto qualcosa che a nessun altra vittima era riuscito: ha lottato e ha vinto. È stato proprio grazie alla sua testimonianza che gli investigatori hanno potuto stilare un profilo dello ‘squartatore', un ritratto psicologico e un identikit dei suoi tratti che, insieme al DNA consentiranno di associare Gargiulo ad altri 4 crimini. Per gli investigatori sono solo una parte dei delitti che il killer ha messo a segno in California, perché altri, invece, potrebbero essere ancora sommersi. Per ora un dato è certo: Gargiulo è in cella e non può più nuocere. In questi giorni, il suo sguardo gelido dovrà affrontare, in tribunale, quello dei parenti delle sue vittime. Compreso quello dell'allora fidanzato della vittima, Ashton Kutcher, tra i testimoni a suo carico.