23 agosto 15:15 Crisi di governo, Di Battista: “Tutti ci cercano, alziamo la posta: taglio parlamentari e via i Benetton”

Il Movimento cinque stelle "oggi ha un potere contrattuale immenso. Tutti ci cercano. Un potere del genere è essenziale sfruttarlo nell'esclusivo interesse dei cittadini. Il mio pensiero è questo, è la prima volta che scrivo da giorni e ciò che penso nulla ha a che vedere con le ricostruzioni di giornalisti sempre più confusi". Lo scrive su Facebook Alessandro Di Battista. "Io sono convito che andando al voto adesso, presentandoci compatti e facendo una grande campagna elettorale, prenderemmo valanghe di consensi. Perché Salvini è molto più debole di quanto appaia e perché se si andasse al voto il Pd ci arriverebbe spaccato in due, tre o quattro pezzi. Ciononostante, e lo dico da cittadino, non vorrei mai che la prossima legge Di Bilancio la scrivesse l'Unione europea e tale rischio è altissimo votando a fine ottobre. E ancor di più pretendo due cose: il taglio dei parlamentari e la revoca delle concessioni autostradali ai Benetton. Sono convinto che questi due obiettivi si possano raggiungere in questa legislatura, nella prossima sarebbe molto più difficile".

23 agosto 13:00 Salvini: “Governo PD – M5s fa rabbrividire, fino a ieri era ‘il partito di Bibbiano’ e ora?”

In una diretta Facebook dedicata in particolare alla questione Ocean Viking, il ministro dell’Interno Matteo Salvini torna a parlare della crisi di governo e apre nuovamente al Movimento 5 Stelle. “So che oggi si incontrano le delegazioni del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle per trattare”, spiega, “ma un governo di questo tipo fa rabbrividire non solo me, ma anche i settori produttivi e i cittadini; immaginate solo che danni possano fare Boschi, Renzi e Boldrini”. E aggiunge: “Per questo motivo io ripeto che la porta è aperta, che le vie del signore sono infinite e pur di non far accadere questo scempio, con i Casini e le Boschi al governo, sono disposto a parlare coi 5 Stelle. Loro però definivano fino a ieri il PD come il partito di Bibbiano e delle procure”. Nella sua lettura, c’è tempo anche per votare in autunno: “La via maestra sono le elezioni, a novembre si può avere un nuovo governo e fare la manovra economica coraggiosa di cui il Paese ha bisogno”.

23 agosto 12:38 Nel PD è ancora bagarre: Renzi accusa Gentiloni di voler sabotare le trattative col M5s

È polemica nel Partito Democratico dopo la diffusione di un audio in cui Matteo Renzi attacca duramente l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Il senatore democratico parla nel corso di un evento pubblico e commenta la fuga di notizie sui “tre punti inderogabili” che il segretario Nicola Zingaretti avrebbe posto come condizione per la partecipazione del PD a un governo col Movimento 5 Stelle. Fra i punti vi era anche la rinuncia al taglio dei parlamentari, priorità assoluta per il Movimento 5 Stelle. La pubblicazione dell’indiscrezione, fatta da Huffington Post e Repubblica, nella lettura di Renzi sarebbe da attribuire a Paolo Gentiloni, che avrebbe voluto in questo modo mettere a rischio le trattative coi 5 Stelle. “Il modo in cui lo spin è stato passato è un modo finalizzato a far saltare tutto”, accusa Renzi, aggiungendo: “Gentiloni era al Colle ma non ha aperto bocca. Non ha detto nella sede ufficiale ciò che pensava. Ma lo ha detto a due giornali”.

23 agosto 10:02 PD e M5s ora fanno sul serio: si lavora su taglio parlamentari e futuro di Conte

Dopo le consultazioni, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso ulteriore tempo ai partiti affinché trovino un'intesa e costituiscano una nuova maggioranza parlamentare. Nel corso del suo breve intervento, il capo dello Stato è apparso particolarmente infastidito dalle difficoltà delle forze politiche nel trovare una strada comune e ha lasciato intendere che non sarà possibile prolungare la crisi di governo per un tempo eccessivo. Martedì prossimo, dunque, avvierà nuove consultazioni, al termine delle quali prenderà una decisione definitiva.

Malgrado formalmente la possibilità di un ritorno di fiamma fra Lega e Movimento 5 Stelle sia ancora aperta (con la disponibilità manifestata dal leader del Carroccio dal Quirinale), le opzioni sul tavolo sono sostanzialmente due: un governo politico nato dall'intesa fra Partito Democratico e M5s, oppure nuove elezioni in autunno. Ieri l'assemblea dei parlamentari grillini ha dato mandato ai capigruppo Patuanelli e D'Uva di incontrare i loro omologhi del Partito Democratico, Marcucci e Delrio, per dirimere il punto di maggiore contrasto fra i due gruppi: il taglio dei parlamentari. Come rivelato da fonti di primissimo piano del Nazareno, infatti, il segretario dem Zingaretti avrebbe posto l'accento sull'impossibilità di accettare la riforma costituzionale Fraccaro, anche considerando che per tre volte il PD ha votato contro in Aula. D'altro canto, Luigi Di Maio ha messo il via libera definitivo al taglio dei parlamentari al primo posto fra i "dieci punti programmatici" intorno ai quali i grillini intendono costruire la nuova proposta di governo.

Mentre i pontieri sono al lavoro per dirimere la matassa (e l'ipotesi più accreditata è quella di far rientrare il taglio in un "disegno complessivo", che preveda anche la revisione della legge elettorale), si ragiona anche di nomi. Se ancora nessuno si sbilancia su chi potrebbe sedersi a Palazzo Chigi, il nodo è il ruolo da assegnare a Giuseppe Conte, "non gradito" a parte del PD ma difeso a spada tratta dal Movimento 5 Stelle. Anche in questo caso trovare una mediazione non appare semplicissimo.