23 Febbraio 22:58 Negli Usa somministrate più di 65 milioni di dosi di vaccino

Sono più di 65 i milioni di dosi del vaccino contro il Covid-19 già somministrate negli Stati Uniti. Lo riferisce la Cnn riportando i dati pubblicati dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc). Esattamente, sono state somministrate 65.032.083 dosi totali, circa il 79 per cento degli 82.114.370 dosi erogate. Rispetto alla rilevazione precedente sono state inoculate 850mila dosi giornaliere in più. Circa 44,5 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino e 19,9 milioni di cittadini sono stati completamente immunizzati tramite entrambe le dosi previste dagli antidoti di Pfizer e Moderna. A questi si andrebbero ad aggiungere prossimamente gli antidoti della casa farmaceutica statunitense Johnson & Johnson, che prevede di riuscire a fornire 20 milioni di dosi del suo vaccino entro la fine di marzo, qualora il suo preparato venga autorizzato dalla Food and Drug Administration (Fda), l'agenzia federale che regola i prodotti alimentari e farmaceutici.

Scrivi un messaggio

23 Febbraio 22:33 Coronavirus in Brasile, altri 62mila contagi e 1.386 morti nelle ultime 24 ore

Non si arresta la pandemia di Covid-19 in Brasile: nelle ultime 24 ore si sono registrati 1.386 morti di Covid-19 e altri 62.715 contagi. Lo rivela il Consiglio nazionale delle segreterie di salute. Dall'inizio dell'emergenza, le vittime sono 248.529 a fronte di 10.257.875 casi.

23 Febbraio 22:23 Galli (Sacco): “I giornali mi hanno massacrato ma le varianti sono esplose come avevo previsto”

"Farò il mio dovere almeno fino al 31 ottobre, quando andrò felicemente in pensione. I soliti giornali mi hanno massacrato nell’ultima settimana, avevo previsto che l'esplosione delle varianti del Covid ovunque con focolai molto seri in alcune aree". Lo ha detto Massimo Galli, responsabile di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, intervenendo a Cartabianca sull'emergenza coronavirus e sui rischi legati alla diffusione delle mutazioni del virus. "La variante inglese – ha aggiunto – è diventata prevalente in Gran Bretagna e in altre aree, è destinata a diventare prevalente anche in Italia visto che rispetto alla variante attuale ha una contagiosità superiore di circa il 40%. È una realtà in grado di diffondersi di più anche tra i bambini, non uccide di più nemmeno gli adulti ma rischia di far ammalare più gente perché si diffonde di più. Vorrei parlare d’altro, ma è così".

23 Febbraio 21:36 Zampa: “Arriveremo ad autorizzazione per il vaccino russo Sputnik”

"Arriveremo all'autorizzazione a Sputnik, più vaccini arriveranno e meglio sarà perché questo metterà in moto un meccanismo virtuoso. Non ci sono problemi politici". Lo ha detto Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute nel secondo governo Conte, intervenendo questa sera a Porta a porta su Rai1 e parlando anche del vaccino russo anti Covid. "Dobbiamo fare in modo che tutte le persone siano tutelate al 100%", ha aggiunto, sottolineando perà che negli approvvigionamenti "occorre passare attraverso gli istituti".

23 Febbraio 21:33 Obbligo vaccinale per gli operatori sanitari: la decisione del Consiglio regionale della Puglia

Dopo un Consiglio regionale durato quasi otto ore, con due sospensioni, l'Assemblea pugliese ha dato il via libera alla proposta di legge del consigliere Fabiano Amati (Pd) che introduce l'obbligo di vaccinazione anti Covid per gli operatori sanitari. Sono stati 28 i voti favorevoli dopo un lungo ed articolato dibattito, due interruzioni per approfondimenti richieste una dalla maggioranza e l'altra dall'opposizione e anche una sospensione per mancanza del numero legale. La legge è rivolta agli operatori sanitari che svolgono la loro attività professionale nell'ambito delle strutture facenti capo al servizio sanitario nazionale, ed ha "lo scopo di prevenire e proteggere la salute di chi frequenta i luoghi di cura".

23 Febbraio 21:20 Da giovedì 14 comuni dell’Emilia Romagna passano in zona arancione scuro

A causa dell’impennata di contagi Covid nelle ultime settimane 14 comuni dell’Emilia Romagna, distribuiti tra le province di Imola e Ravenna, passeranno in zona arancione scuro da giovedì 25 febbraio all’11 marzo. Si tratta di Imola, Castel San Pietro, Medicina, Mordano, Castel Guelfo, Dozza, Casalfiumanese, Fontanelice, Borgo Tossignano, Castel del Rio, e i confinanti di Bagnara di Romagna, Conselice, Massa Lombarda e Riolo Terme. Bonaccini: “Provvedimento sofferto ma necessario”.

23 Febbraio 21:04 Come è arrivata a Brescia la terza ondata della pandemia di Coronavirus

Oltre 20mila contagi da Coronavirus in cinquanta giorni: così la zona di Brescia è ripiombata nell’incubo del Covid, esattamente come un anno fa. Dal focolaio di Corzano a quello di Castrezzato: ecco com’è arrivata la terza ondata che ha fatto scattare la zona arancione rafforzata in tutta la provincia e in 9 comuni limitrofi.

23 Febbraio 21:02 Miozzo (Cts): “Serve prudenza: con Draghi non abbiamo parlato di riaperture”

Nessuna catastrofe imminente ma serve prudenza. Sono queste le poche parole che il coordinatore del Cts Agostino Miozzo, lasciando Palazzo Chigi al termine del vertice con il premier Draghi, ha riferito alla stampa: "Abbiamo rappresentato al presidente Draghi i dati e i numeri dal punto di vista scientifico – ha spiegato – noi siamo prudenti, ma non abbiamo descritto una situazione di catastrofe imminente". "Non abbiamo parlato di riaperture – ha aggiunto – se ne parlerà in un'altra occasione. Venerdì ci sarà una nuova fotografia della situazione, poi vedremo"

23 Febbraio 20:58 D’Ancona (Iss): “Una sola dose di vaccino potrebbe bastare a chi ha avuto il Covid”

Secondo il professor Fortunato D’Ancona dell’Iss, intervenuto oggi in audizione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato, diversi studi internazionali mostrano che soggetti che hanno avuto il Covid da meno di sei mesi con una sola dose di vaccino ottengono gli stessi livelli anticorpali di chi riceve due dosi: "Quindi in questi soggetti potrebbe bastare una sola dose". "È chiaramente qualcosa su cui a livello scientifico si sta focalizzando l'attenzione per, sempre in sicurezza, ottimizzare l'uso delle dosi", ha sottolineato. I vaccini, comunque, ha puntualizzato, "possono essere usati anche su chi ha già avuto il Covid-19".

23 Febbraio 20:51 In Italia 30% dei contagi è dovuto alla variante inglese: a metà marzo sarà predominante

Almeno il 30% delle infezioni da Covid-19 in Italia è dovuto alla variante inglese e secondo gli scienziati a metà marzo sarà predominante in tutto il Paese. È questo il dato fornito dagli esperti dell'Istituto superiore di Sanità e del Cts durante l'incontro con il premier Mario Draghi: durante lo stesso incontro il governo ha chiesto valutazioni sulle misure da adottare e gli esperti avrebbero ribadito i rischi legati a possibili aperture.

23 Febbraio 20:22 AstraZeneca dimezza fornitura prevista a Ue per il secondo trimestre

Il vaccino AstraZeneca
in foto: Il vaccino AstraZeneca

L'azienda farmaceutica AstraZeneca fornirà meno della metà delle dosi di vaccino anti-Covid ordinate dall'Unione Europea per il secondo trimestre. A renderlo noto Reuters che cita fonti Ue. Secondo il contratto reso pubblico nei giorni scorsi, AstraZeneca dovrebbe fornire all'Unione 180 milioni di dosi entro giungo, ne arriveranno invece meno di 90 milioni.

23 Febbraio 20:07 Nuove misure anti covid, domani alle 13.30 comunicazioni di Speranza

Il ministro della Salute Roberto Speranza terrà domani nell'Aula del Senato alle 13.30 comunicazioni sulle nuove misure per il contrasto della Pandemia Coronavirus. Lo ha deciso la conferenza dei Capigruppo di Palazzo Madama. La votazione delle risoluzioni è prevista per le ore 17.30.

23 Febbraio 19:30 Il piano dell’UE per aumentare la produzione dei vaccini anti covid

Come aumentare la produzione di vaccini nell'Unione Europea? Da un lato si punterà sulla collaborazione pubblico-privato grazie alla possibile concessione di licenze provvisorie da parte delle aziende farmaceutiche che hanno già ottenuto l’approvazione, e dall’altro pensando ad una legislazione per un’autorizzazione d’emergenza a livello europeo per i vaccini, come quella che attualmente esiste a livello nazionale. Breton: “Obiettivo è vaccinare entro l’estate tutti gli europei che lo vorranno”.

23 Febbraio 19:22 In Spagna scendono i contagi: per la prima volta da due mesi paese sotto la soglia di rischio

Il calo dei contagi di covid in Spagna permette al paese di tornare, per la prima volta dal 28 dicembre, al di sotto della soglia di rischio estremo stabilita dalle autorità sanitarie nazionali. Lo riportano i media spagnoli. Il Ministero della Sanità ha comunicato che l'indice dei contagi è di 235 positivi ogni 100.000 persone, mentre ieri erano 252 ogni 100.000 abitanti. La soglia di rischio estremo è fissata a 252. Nelle ultime 24 ore nel Paese ci sono stati 443 decessi mentre diminuiscono leggermente anche i ricoverati in terapia intensiva.

23 Febbraio 19:09 Vertice governo – CTS, Miozzo: “Per noi linea della prudenza”

"Ascolteremo il Presidente. Noi diremo che serve la linea della prudenza. Questo sì". A dirlo il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo arrivando a palazzo Chigi per l'incontro con il Governo.

23 Febbraio 19:04 Svezia, la variante inglese spaventa il paese del “no lockdown”: da domani nuove restrizioni

La Svezia potrebbe introdurre restrizioni più severe a causa della recrudescenza del Covid e della sua variante inglese. La stretta sarà presentata domani dal governo, ma già oggi a Stoccolma è scattato l’obbligo di mascherina nei mezzi pubblici. L’epidemiologo capo Anders Tegnell, che ha sempre privilegiato la linea morbida sul fronte dei divieti, in conferenza stampa ha ammesso che la variante B.1.1.7 si sta diffondendo nel Paese molto rapidamente e potrebbe diventare dominante entro un mese. "Abbiamo un pacchetto di misure nazionali in preparazione che sarà presentato domani", ha annunciato, secondo quanto riporta il Guardian, riferendo che il governo potrebbe introdurre misure di blocco mai adottate finora.

23 Febbraio 18:53 Johnson: “Nessuna garanzia che restrizioni in Gran Bretagna siano revocate il 21 giugno”

Il primo ministro inglese Boris Johnson ha gettato acqua sul fuoco, dopo aver tracciato ieri la sua roadmap in quattro fasi per il graduale ritorno alla normalità. Pur dicendosi "molto ottimista", il premier ha sottolineato che "ovviamente nulla può essere garantito" quanto al fatto che nel Regno Unito tutte le restrizioni anti Covid-19 vengano revocate il 21 giugno, come previsto dal piano. Parlando durante una visita in una scuola londinese, Johnson ha inoltre riferito che il governo sta valutando le implicazioni "scientifiche, morali, filosofiche ed etiche" riguardo all’eventuale introduzione di certificati che attestino la vaccinazione degli individui. Intanto, nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato 8.489 casi di contagio.

23 Febbraio 18:45 Puglia, il Tar sospende l’ordinanza della regione: si torna a scuola

Il Tribunale Amministrativo Regionale pugliese ha sospeso l’ordinanza regionale con la quale il presidente Michele Emiliano ha disposto fino al 5 marzo la didattica digitale integrata al 100% per tutti gli alunni della regione. La decisione era stata annunciata dal governatore qualche giorno fa ma il Codacons Lecce, insieme con un gruppo di genitori di alunni, si è opposto alla delibera presentando il ricorso.

23 Febbraio 18:39 La sindrome di Down triplica il rischio di morire per COVID

Dopo aver esaminato i dati di più di mille pazienti COVID con sindrome di Down, un team di ricerca internazionale ha dimostrato che chi presenta la condizione genetica ha un rischio quasi tre volte più alto di morire per l’infezione. Le probabilità di morire per un 40enne con trisomia 21 sono le stesse di un settantenne della popolazione generale, per questo gli scienziati raccomandano di vaccinare i pazienti con priorità.

23 Febbraio 18:37 Quali sono le province in cui il Covid-19 si sta diffondendo più velocemente

Secondo l’ultimo bollettino Covid in Italia diramato oggi dal Ministero della Salute, sono Napoli, Bologna e Milano le tre province italiane dove in numeri assoluti nelle ultime 24 ore è stato registrato il maggior incremento di contagi da Coronavirus. Seguono Torino, Brescia, Varese e Frosinone. Attenzione all’aumento dei contagi anche a Bolzano e nella provincia di Ancona.

23 Febbraio 18:29 Perché ristoranti e bar sono luoghi ad alto rischio di contagio

Uno studio pubblicato su JAMA e condotto dal Covid-19 Response team dei Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti chiarisce per quali ragioni ristoranti e bar sono considerati luoghi in cui è altissimo il rischio di contrarre il Covid-19.

23 Febbraio 18:22 Crisanti: “Zone gialle inefficaci, non riescono a contenere l’epidemia”

"La situazione attuale dei contagi evidenzia una serie di problematiche, principalmente legate alla variante inglese, che si sta dimostrando più contagiosa del ceppo originale, e alle zone gialle, che non sono in grado di arrestare la diffusione dell'epidemia". A dirlo in un'intervista all'Agi Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Medicina molecolare presso l'Università degli studi di Padova. "I motivi di preoccupazione sono parecchi – aggiunge – e riguardano in gran parte la propagazione dei nuovi ceppi, in particolare quello noto come ‘variante inglese', che sta diventando predominante in molte aree. L'altro problema è che abbiamo avuto modo di verificare che le zone gialle non impediscono affatto la trasmissione dell'infezione, per cui è palese che quello che stiamo facendo non è sufficiente a contenere l'epidemia. Anzi, sulla base dei dati scientifici possiamo dedurre che i numeri relativi ai contagi e alle ospedalizzazioni sono destinati ad aumentare, a meno che non interveniamo al più presto". Secondo lo scienziato potrebbe essere necessario rivedere il sistema delle colorazioni ed estendere le zone rosse, in modo da limitare i contatti tra i cittadini e diminuire la probabilità di diffusione del contagio. "Continuo a sentire decisori e politici che insistono sulle proposte di allentare le misure di sicurezza, ma credo sia assolutamente prematuro – conclude Crisanti -. In questo momento dobbiamo pensare al paese in termini generali e appiattire al più presto la curva dei contagi. Potremo revocare lo stato di emergenza solo una volta che ne saremo davvero usciti, in questo momento non siamo ancora fuori pericolo".

23 Febbraio 18:16 Lombardia, nelle ultime 24 ore 2.480 e 43 morti

Sono 2.480 i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia. Nelle ultime 24 ore sono stati purtroppo registrati altri 43 morti, per un totale dall’inizio della pandemia di 28.146 decessi. Aumentano i ricoveri in ospedale (più 91 per un totale di 3917) e aumenta anche il numero di persone ricoverate in terapia intensiva: sono 408 (più 17). Ecco il bollettino con i dati di oggi martedì 23 febbraio sui contagi Covid in Lombardia.

23 Febbraio 18:11 Aumentano i ricoveri in terapia intensiva, 8 le regioni in difficoltà

Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

I pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia sono 2.146, 28 in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi sono, invece, 18.295 (+140). Gli attualmente positivi in Italia tornano a salire raggiungendo quota 387.948 (+45 rispetto a ieri). Il totale dei dimessi o guariti è 2.347.866 (+12.898), mentre quello delle vittime è di 96.348.

23 Febbraio 17:32 Sicilia, zona rossa in due comuni in provincia di Palermo

I comuni di San Cipirello e San Giuseppe Jato, in provincia di Palermo, da giovedì 25 febbraio diventeranno "zona rossa". È quanto prevede un'ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, appena pubblicata sul portale istituzionale. Il provvedimento, preso d'intesa con l'assessore alla Salute Ruggero Razza – viste le note dei Comuni e le relazioni del dipartimento di Prevenzione dell'Asp – serve – dice la Regione – a salvaguardare la salute pubblica e contrastare la diffusione del Coronavirus nel due centri. Le misure restrittive resteranno in vigore fino a giovedì 11 marzo.

23 Febbraio 17:30 Il bollettino di oggi: 13.314 nuovi casi Covid e 356 morti

Nelle ultime 24 ore sono stati diagnosticati 13.314 nuovi casi Covid in Italia secondo il bollettino di oggi, martedì 23 febbraio, del Ministero della Salute. Sale di nuovo il numero dei morti: 356 da ieri. I test effettuati sono stati 303.85: il tasso di positività è al 4,4%. La Regione che fa registrare il più alto numero di infezioni su base giornaliera è la Lombardia, seguita dall’Emilia-Romagna.

23 Febbraio 17:16 Piemonte, 1.023 nuovi casi nelle ultime 24 ore

L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato oggi 1.023 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 255 dopo test antigenico), pari al 4.7% dei 21.884 tamponi eseguiti, di cui 13.451 antigenici. Gli asintomatici sono 430 (42,0% ). I casi sono così ripartiti: 198 screening, 554 contatti di caso, 271 con indagine in corso; per ambito: 25 rsa/strutture socio-assistenziali, 117 scolastico, 881 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 244.639 così suddivisi su base provinciale: 128.859 Torino, 33.127 Cuneo, 21.503 Alessandria, 19.035 Novara, 12.614 Asti, 9.004 Vercelli, 8.980 Verbano-Cusio-Ossola, 8.403 Biella, oltre a 1.202 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.912 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

23 Febbraio 17:05 Lazio, 889 nuovi casi e 33 morti nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore nel Lazio sono stati registrati 889 nuovi casi di coronavirus su oltre 31mila test processati. I decessi sono stati 33, le persone guarite 1139. I pazienti ricoverati in ospedale sono 1850 e quelli ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 229.

23 Febbraio 17:01 Di Lorenzo (AstraZeneca): “Complicato produrre vaccini in Italia. Per laboratori serve un anno”

Produrre un vaccino "è parecchio complicato. Quando sento dire ‘facciamo di corsa', penso sia un esercizio di buona volontà, ma dal punto di vista pratico servono tanti mesi, per non dire un anno e più". A dirlo Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato della Irbm di Pomezia, ospite su Sky TG24 di Timeline a proposito della possibilità di aumentare le dosi di vaccini contro Covid-19, producendoli anche in Italia. "Per mettere in piedi un laboratorio, soltanto dal punto di vista delle apparecchiature – spiega Di Lorenzo – mediamente servono 6-7, anche 10 mesi, fino a un anno, perché le apparecchiature non si comprano al supermercato. Vanno ordinate e poi vengono costruite e mediamente consegnate a 6 mesi. Si supera abbondantemente un anno". È inoltre "necessario un periodo di training che dura mediamente 3-4 mesi (un mese a lotto), oltre a un team di ricercatori che abbia già le competenze per portare avanti un laboratorio Gmp, come si chiama in gergo, nel quale vengono prodotti i vaccini". Arrivare al prodotto finale dunque, conclude, "presuppone una tecnica di laboratorio complessa e delicata, ai fini soprattutto della sicurezza".

23 Febbraio 16:56 In Calabria 116 nuovi casi di coronavirus

In Calabria nelle ultime 24 ore sono stati individuati 116 nuovi casi di coronavirus, così suddivisi: Cosenza 5, Catanzaro 5, Crotone 9, Vibo Valentia 15, Reggio Calabria 82. Altra Regione o stato estero 0.

23 Febbraio 16:48 Fonti del governo: “Draghi accelera sul nuovo Dpcm”

Il governo accelera sul nuovo dpcm con le norme anti contagio da Covid. A quanto si apprende da più fonti di Palazzo Chigi, una riunione del Presidente del Consiglio Mario Draghi è prevista alle 19 con i ministri sul dossier Covid. Alla riunione prenderanno parte anche gli esperti Silvio Brusaferro, Agostino Miozzo e Franco Locatelli. Ci saranno però anche i ministri Giancarlo Giorgetti (Lega), Roberto Speranza (Leu), Dario Franceschini (Pd), Maria Stella Gelmini (FI), Elena Bonetti (Iv). Si tratta, viene spiegato, di una riunione operativa sulla situazione della pandemia. L'intenzione, secondo diverse fonti di governo, sarebbe quella di varare con largo anticipo, già nei prossimi giorni, il nuovo provvedimento destinato a rinnovare le misure anti contagio del dpcm in scadenza il 5 marzo.

23 Febbraio 16:39 Da marzo anche i medici di famiglia vaccineranno i pazienti

Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg), ha spiegato a Fanpage.it il contenuto del protocollo d'intesa siglato tra Governo, Regioni e sindacati, per il coinvolgimento diretto di almeno 35mila medici di famiglia nella somministrazione dei vaccini anti Covid: "Noi abituati a vaccinare, in due mesi somministrati 10 milioni di vaccini contro l’influenza. Così è stato riconosciuto il nostro ruolo".

23 Febbraio 16:36 In Irlanda del Nord individuati i primi tre casi di variante sudafricana

Il ministero della Salute nordirlandese ha confermato che tre casi di Covid-19 causati della cosiddetta "variante sudafricana" del Sars-Cov-2 sono stati identificati in Irlanda del Nord. Si tratta dei primi casi individuati nella regione. Il politico ha commentato affermando che la scoperta di questi casi sottolinea il bisogno di cautela, ma ha anche ribadito che allo stato delle conoscenze attuali questo non significa che la variante diventerà dominante in Irlanda del Nord, definendo invece la scoperta dei casi come "inevitabile". Al momento la variante dominante in Irlanda del Nord è la cosiddetta "variante inglese", che conta per quasi il 70 per cento dei casi riscontrati.

23 Febbraio 16:24 In Emilia Romagna 1.588 nuovi contagi e 25 morti nelle ultime 24 ore

In Emilia-Romagna i nuovi casi positivi al coronavirus sono 1.588, i morti 25. Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in regione si sono registrati 249.429 contagi. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 35.010 e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 4,5%. Prosegue intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa prima fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su (dal primo marzo prenotazioni aperte anche per quelle dagli 80 agli 84 anni).Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 339.381 dosi; sul totale, 130.954 sono seconde dosi.

23 Febbraio 16:19 Cosa cambia con la zona arancione rafforzata in provincia di Brescia e in altri 9 comuni

La provincia di Brescia, otto comuni in provincia di Bergamo e uno in provincia di Cremona sono stati inseriti in zona arancione “rafforzata”. Ciò significa che oltre alle normali disposizioni previste in zona arancione, sarà vietato spostarsi verso seconde case, saranno chiuse tutte le scuole e università, ci sarà l’obbligo allo smart working e all’utilizzo delle mascherine sui mezzi di trasporto.

23 Febbraio 16:02 Marche, continua l’aumento dei ricoveri: +12 nelle ultime 24 ore

Continua il trend in aumento dei ricoveri per Covid-19 nelle Marche: dopo i 15 in più di ieri, nell'ultima giornata i pazienti sono passati da 621 a 633 (+12). A renderlo noto il Servizio Sanità delle Marche. Nell'ultima giornata sono state dimesse 28 persone ma i degenti in Semintensiva sono arrivati a quota 163 (+9). Invariato il numero di ricoveri in Terapia intensiva (78) mentre nei reparti non intensivi sono 392 (+3). Tra i ricoverati in reparti non intensivi anche due pazienti rispettivamente in Ostetricia e Pediatria ad Ancona. Continuano a crescere anche i numeri dei positivi in isolamento domiciliare (8.491, +203) e delle quarantene per contatto con contagiati, ora sopra le 16mila (16.371, +539). I guariti salgono a 53.109 (+357).

23 Febbraio 15:48 In Umbria superati i mille morti dall’inizio della pandemia

In Umbria sono stati superati i mille morti per Covid dall'inizio della pandemia. Secondo quanto riporta il sito della Regione con i dieci dell'ultimo giorno sono infatti 1.003. Registrati altri 262 positivi e 217 guariti. Gli attualmente positivi sono ora 8.509, 35 più di ieri. Nell'ultimo giorno sono stati analizzati 4.410 tamponi e 2.835 test antigenici. Con un tasso di positività del 3,6 per cento sul totale e del 5,9 sui soli molecolari. I ricoverati in ospedale sono 552, quattro in meno di ieri, 79 dei quali, due in meno, in terapia intensiva.

23 Febbraio 15:38 Abruzzo, 322 nuovi casi e 24 morti nelle ultime 24 ore

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria in Abruzzo sono in tutto 51.764 i casi positivi al Covid 19 registrati. Rispetto a ieri si registrano 322 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 94 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 62, di cui 4 in provincia dell'Aquila, 17 in provincia di Pescara, 18 in provincia di Chieti e 23 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 24 nuovi casi e sale a 1652 (di età compresa tra 60 e 96 anni, 1 in provincia di Chieti, 3 in provincia di Teramo e 20 in provincia di Pescara). Del totale odierno, 13 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni e comunicati solo oggi dalle Asl.

23 Febbraio 15:34 Nel Lazio quarto comune in zona rossa: è Torrice c’è la variante inglese

Il presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato l'ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice, in provincia di Frosinone, a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese. Le disposizioni entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi". Si tratta del quarto comune laziale in zona rossa dopo Colleferro e Carpineto, in provincia di Roma, e Roccagorga, in provincia di Latina.

23 Febbraio 15:27 Misure covid, Speranza domani alla Camera per comunicazioni all’Aula

Si svolgeranno domani, alle ore 17, le comunicazioni nell'Aula della Camera del ministro della Salute Roberto Speranza sull'emergenza Covid. Al termine dell'intervento del ministro, sono previste votazioni sulle risoluzioni

23 Febbraio 15:21 Coronavirus Veneto, 1.062 positivi e 21 morti covid in 24 ore

Sono 1.062 i nuovi positivi al coronavirus in Veneto nelle ultime 24 ore su 10084 tamponi analizzati e 21 le vittime covid registrate nell'ultima giornata. Soni dati del bollettino reginale di oggi 23 febbraio sull'andamento del contagio in Veneto. I contagiati dall'inizio dell'epidemia salgono quindi a 328.078 e le vittime totali sono 9.742. Riprendono a crescere i ricoverati in area non critica (+34), stabilito quelli in Terapia intensiva (+2), dove attualmente ci sono 105 persone.

23 Febbraio 15:04 Alto Adige, superata quota mille vittime

Ad esattamente un anno dal primo caso di Coronavirus in Alto Adige, è stata superata la soglia di 1.000 vittime della pandemia nella Provincia autonoma. Nelle ultime 24 ore ci sono infatti stati 7 decessi, ai quali l'Azienda sanitaria ha aggiunto oggi altre sei persone morte tra dicembre e gennaio e che ora sono state aggiunte dopo una revisione dei dati. Il numero complessivo ora è di 1.006. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 379 nuovi casi, di cui 119 con tamponi pcr e 260 con quello antigenico.

23 Febbraio 14:41 Come sarà l’esame di terza media 2021 in tempo di Covid?

Come sarà l’esame di terza media 2021? Pochissime le novità rispetto allo scorso anno: la prova sarà solo orale e verterà sulla presentazione di un elaborato, sviluppato scegliendo tra più tipologie e concordato con i docenti del consiglio di classe. Ecco tutto quello che c’è da sapere, dai criteri di ammissioni al voto

23 Febbraio 14:02 “Vaccini covid a personale e docenti dove lavorano anche se non residenti”, la proposta del M5S

La deputata del Movimento 5 Stelle, Margherita Del Sesto, ha presentato un’interrogazione ai ministri Gelmini e Speranza per chiedere di vaccinare contro la covid tutto il personale scolastico, docente e non, nelle Regioni in cui lavorano indipendentemente dalla loro residenza. Del Sesto spiega a Fanpage.it: “Servono regole univoche, valide su tutto il territorio nazionale”.

23 Febbraio 13:50 Bertolaso: “A Brescia siamo di fronte a terza ondata covid”

A Brescia siamo davanti alla terza ondata del contagio da Covid-19”.Lo ha dichiarato Guido Bertolaso, consulente della Regione Lombardia, durante il Consiglio regionale tenutosi oggi, martedì 23 febbraio. Poco prima l’assessore al Welfare Letizia Moratti ha annunciato l’istituzione di una zona arancione nella provincia di Brescia e in altri nove comuni limitrofi. Il problema principale è la variante inglese – ha proseguito Bertolaso – che ha fatto aumentare di parecchio il contagio e anche purtroppo i ricoveri in ospedale e nelle terapie intensive". "Il dg al Welfare ha dato disposizione di elevare il livello di attenzione di attività delle Rianimazioni da 3 a 4 per organizzare la struttura di assistenza sanitaria per fronteggiare il problema", ha poi dichiarato Bertolaso, "perché il sistema è già sotto stress".

23 Febbraio 13:34 La Commissione Europea richiama sei Stati per controlli covid alle frontiere: anche la Germania

La Commissione europea ha inviato una lettera di richiamo a sei Stati dell’Unione europea per le misure troppo restrittive alle frontiere  con "i divieti di entrare o uscire dagli Stati" imposti pere l'emergenza covid e la richiesta "di rispettare le raccomandazioni del Consiglio" sulla libertà di movimento e che "le misure adottate siano proporzionali e non discriminatorie". I sei Paesi interessati sono: Germania, Belgio, Danimarca, Finlandia, Ungheria e Svezia. Lo ha reso noto un portavoce della Commissione europea.

23 Febbraio 13:25 In Alto Adige individuati altri 4 casi di variante covid sudafricana

In Alto Adige individuati altri 4 casi di variante sudafricana che fano salire a 16 i casi totali. I nuovi contagi a Merano, Rifiano e Lana, dunque in comuni già in zona rossa e blindati in entrata ed uscita. "Poiché i casi sono stati rilevati in comuni dove è già in vigore una chiusura totale – comunica la provincia di Bolzano – con test obbligatori per uscire/entrare dalle/nelle aree comunali, al momento non sono necessarie ulteriori misure restrittive". I comuni blindati in questo momento sono Merano, Rifiano, Moso in Passiria, San Pancrazio, Malles Venosta, Lana, San Martino in Passiria, Caines e San Leonardo in Passiria. La diffusione della variante covid sudafricana, infatti, pare circoscritta alle zone dove era già stata trovata e che sono chiuse sia negli ingressi che nelle uscite.

23 Febbraio 13:07 Zona arancione rafforzata nel Bresciano dopo boom di contagi

Scatta la fascia arancione “rinforzata” nella provincia di Brescia e in otto altri comuni lombardi. La decisione è stata annunciata oggi dall’assessore regionale al Welfare Letizia Moratti. In tutta la provincia di Brescia sono in aumento contagi e ricoveri, per effetto della diffusione delle varianti Covid. In zona arancione rinforzata saranno chiuse le scuole d’infanzia, i nidi, le scuole elementari e le medie. "Oggi il presidente Fontana emanerà un’ordinanza per istituzione in tutta la provincia di Brescia una zona arancione rafforzata» che prevede «anche la chiusura di scuole elementari, dell’infanzia e nido" e altri divieti come quello "di spostarsi nelle seconde case". Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare Letizia Moratti intervenendo in Consiglio regionale. Il provvedimento riguarda anche sette comuni in provincia di Bergamo confinanti e uno in provincia di Cremona.

23 Febbraio 12:46 Covid: nelle Marche 581 nuovi positivi in 24 ore

Nelle Marche oggi 581 nuovi positivi  al coronavirus. Lo si apprende dal primo aggiornamento del Servizio sanitario regionale sull'andamento del contagi in regione. Sono  4707 i tamponi analizzati nelle ultime 24 ore per un tasso di positività del 12.34%, il 24,9% rispetto ai 2.333 tamponi processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi. Il totale dei positivi nelle Marche dall'inizio della crisi pandemica è salito così a 64.437

23 Febbraio 12:31 Guarito dal covid l’arcivescovo di Napoli monsignor Battaglia

L’arcivescovo metropolita di Napoli, monsignor Domenico Battaglia, è guarito dal Covid-19 l’ultimo tampone è negativo. Era risultato positivo il 9 febbraio e da allora era rimasto in quarantena. Era  risultato positivo ad inizio febbraio, poco dopo il suo insediamento alla guida del ministero pastorale dell’Arcidiocesi di Napoli, subentrato a monsignor Crescenzio Sepe. Ora dovrà attendere un periodo di convalescenza e poi potrà tornare ad esercitare il suo ministero pastorale.

23 Febbraio 12:20 Lopalco: “Variante covid si diffonde tra bimbi e ragazzi, serve Dad fino e a primavera”

"È vero che siamo in zona gialla, ma abbiamo segnali preoccupanti di diffusione della variante inglese. Questa variante si diffonde tra giovani e bambini. Il fatto che siamo in fascia gialla perché due settimane fa il nostro trend era in diminuzione non vuol dire che dobbiamo stare tranquilli. Per me la didattica a distanza dovrebbe essere prorogata fino all'inizio della primavera", lo ha affermato l'epidemiologo e assessore alla Salute della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, a Radio Capital, aggiungendo: "Oggi i dati ci dicono che tra i bambini si sta diffondendo il contagio in modo proporzionalmente superiore alle altre fasce d’età".

23 Febbraio 12:06 Coronavirus Toscana, 824 nuovi casi in 24 ore: tasso di positività al 9,1%

Sono 824 i nuovi casi di Coronavirus in Toscana nelle ultime 24 ore su 19.725 test . Lo annuncia su Facebook il presidente della Toscana Eugenio Giani, anticipando il dato del bollettino regionale sull’andamento dell'epidemia di coronavirus in regione. "I nuovi casi registrati in Toscana sono 824 su 19.725 test di cui 11.389 tamponi molecolari e 8.336 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,18% (9,1% sulle prime diagnosi)" ha spiegato Giani, aggiungendo: "Grazie alle donne e agli uomini del nostro sistema sanitario regionale, da un anno ogni giorno in prima linea per tutelare la salute di tutti noi, alcuni sacrificando la propria per salvare le vite degli altri con dedizione e spirito di servizio. Manteniamo alta la guardia, la diffusione del contagio dipende dalle nostre azioni.

23 Febbraio 11:48 Inps: Con la seconda ondata covid certificati di malattia aumentati del 22% 

Nel quarto trimestre del 2020 sono pervenuti all’Inps 7.155.050 certificati di malattia contro i 5.864.193 dello stesso periodo del 2019, con un aumento del 22 per cento. È quanto riferisce l’istituto in una nota, spiegando che l’incidenza di quelli dal settore privato è pari al 77%, contro il 74,8% registrato lo scorso anno. L’incremento, sottolinea l’Inps, è probabilmente dovuto alla seconda ondata dell’epidemia da Covid-19, la cui impennata dei contagi a partire dal mese di ottobre 2020, con tutte le attività aperte, può aver determinato un maggiore ricorso alla malattia dei lavoratori pubblici e privati. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente si registra un incremento più accentuato per il settore privato (+25,6%) rispetto a quello pubblico (+11,2%), con una differenza più marcata nelle regioni del Centro (+15,1% vs +5,0%) e soprattutto al Sud (+31,2% vs 1,2%), mentre la differenza tra i due comparti è quasi nulla al Nord (27,6% vs 25,4%).

23 Febbraio 11:34 Riapertura ristoranti: governo e Cts studiano protocollo per via libera 

Governo e Cts studiano un protocollo per via libera alla riapertura dei ristoranti e la ripartenza del mondo della ristorazione. Lo ha annunciato il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli. "Attraverso il Cts, comitato tecnico scientifico del ministero della Salute, stiamo lavorando a protocollo per consentire alla ristorazione la ripartenza" ha spiegato Patuanelli intervenendo in streaming al Consiglio nazionale della Coldiretti. L'impatto della pandemia sulla ristorazione, ha aggiunto, "è  un tema che conosco bene. Il Fondo pensato a inizio anno è stato utile, ma ora dobbiamo avere la forza di garantire alle persone di poter tornare al ristorante. Anche perché ci sono comparti fornitori, come quello del vino in grande sofferenza". La proposta già avanzata da Matteo Salvini trova d'accorso anche il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini  che ha commentato: "laddove nel territorio non si hanno troppi rischi di contagio. Cioè dove le cose vanno in maniera migliore si può ragionare, con controlli più serrati con l'obiettivo di dare ossigeno a qualche attività".

23 Febbraio 11:26 Morto per covid l’ex campione di motociclismo Fausto Gresini

L'ex campione di motociclismo Fausto Gresini ha perso la sua battaglia contro il coronavirus. La notizia è stata ufficializzata questa mattina dal Team sulle pagine ufficiali social. Dopo due mesi di lotta contro il Covid il due volte campione del Mondo ha dovuto cedere il passo. Tanto dolore e cordoglio. Tra i primi a ricordarlo, il figlio Lorenzo sulla propria pagina Facebook: "Bà! Ti amo immensamente".

23 Febbraio 11:14 Quali sono le Regioni che rischiano di cambiare colore con il prossimo monitoraggio covid

Tra qualche giorno la Cabina di regia pubblicherà il monitoraggio settimanale sulla situazione epidemiologica in base al quale alcune Regioni potrebbero finire in area rossa o arancione. Al momento nessuna Regione o Provincia autonoma ha applicato le restrizioni anti-contagio più severe, ma in tutto il territorio nazionale sono state istituite delle micro zone rosse per arginare i focolai. E alcuni territori in particolare sono osservati speciali.

23 Febbraio 10:44 Quali attività potrebbero riaprire con il nuovo dpcm: da cinema a palestre e piscine 

Dopo il prossimo monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità, atteso come di consueto per venerdì, il governo Draghi valuterà la possibilità di riaprire alcune attività. Da una parte si pensa, come chiesto dalla Lega e dai sindaci, di consentire l’apertura serale dei ristoranti, dall’altra di riaprire palestre, piscine, teatri e cinema.

23 Febbraio 10:22 Garattini (Istituto Mario Negri): “Italia deve produrre vaccini covid, serviranno per le varianti”

"Che si faccia in Europa o che si faccia in Italia, è molto importante che ci sia una produzione di vaccini anti covid perché dobbiamo prepararci al peggio. Guardiamo al peggiore scenario possibile e prepariamoci a quello. Se poi le cose andranno meglio, bene. Però non pensiamo che le cose siano facili e che si possano risolvere rapidamente" lo ha ricordato Silvio Garattini, fondatore e presidente dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs, intervenuto ad Agorà su Rai 3. "Il problema andrà avanti anni, probabilmente. Ci sono le varianti, ci sono i cambiamenti che il virus effettua, e quindi noi l’anno venturo potremmo avere bisogno di un altro tipo di vaccino rispetto a quello che abbiamo attualmente. Dobbiamo prepararci" ha insistito lo scienziato.

23 Febbraio 10:06 In Germania 3.883 nuovi contagi e oltre 400 morti covid

In Germania 3.883 nuovi contagi e oltre 400 morti covid. Lo comunicano le autorità sanitarie tedesche. Stando ai dati forniti dall’Istituto Robert Koch, le nuove infezioni sono state 3.883 e 415 i decessi per un totale, rispettivamente, di 2.394.811 di casi dall’inizio della pandemia e 68.318 decessi.

23 Febbraio 09:47 Vaccino Covid, quanto guadagnerà ogni medico di famiglia per le somministrazioni

Firmata l’intesa tra Governo, Regioni e sindacati Fimmg, Snami, Smi e Intesa Sindacale per coinvolgere i medici di medicina generale nella campagna di vaccinazione contro il Coronavirus. In base al protocollo nazionale si dovranno poi stipulare accordi specifici a livello regionale. Lo Stato dovrebbe assicurare loro un finanziamento di circa 60 milioni di euro.

23 Febbraio 09:33 Immunologa Viola: “Non è tardi per produrre vaccini anti covid in Italia”

Non è tardi per produrre vaccini anti covid in Italia, ne è convinta l’immunologa dell’università di Padova Antonella Viola. "Ci serve organizzare la produzione di vaccini in Italia? Anche se chiaramente non è più la strada per affrontare questa prima campagna di vaccinazione, la risposta è comunque sì" ha dichiarato Viola in un post su Facebook, aggiungendo: "Se ci si fosse organizzati 4 mesi fa, oggi saremmo probabilmente in grado di produrre parte delle dosi che ci servono ma non bisogna pensare che sia troppo tardi. I vaccini andranno aggiornati, è possibile che sia necessario vaccinarsi più volte (come per l’influenza) ed è necessario potenziare la produzione anche per i Paesi più poveri. È importante partecipare allo sviluppo e alla produzione dei vaccini".

23 Febbraio 09:18 In Giappone 740 casi e 56 morti covid, verso allentamento delle misure restrittive

Il Giappone va verso un allentamento delle misure restrittive covid. Secondo gli ultimi dati ufficiali rilasciati dalle autorità sanitarie, infatti, calano casi e decessi per la sesta settimana consecutiva. I nuovi casi di coronavirus in Giappone nelle ultime 24 ore sono stati 740, di cui 178 nella capitale Tokyo, con 56 decessi totali. Lo stato di emergenza ancora in vigore nelle dieci prefetture più popolose del paese potrebbe quindi terminare ala normale scadenza prevista per il prossimo 7 marzo. A preoccupare è sempre Tokyo dove però si è registrato un numero di nuovi casi inferiore a 200 per la prima volta dal 24 novembre

23 Febbraio 09:05 Zone rosse in Italia: divieti, ordinanze e chiusure regione per regione

Da nord a sud sono numerose  le misure adottate a livello locale che prevedono limitazioni maggiori tra cui divieti di spostamento e attività chiuse. Si va così da intere province come l'Alto Adige che per tutto il mese di febbraio sarà zona rossa a gruppi di comuni a singole città come Ventimiglia e Sanremo, in Liguria. Ecco tutti i divieti, le ordinanze e chiusure regione per regione.

23 Febbraio 08:48 Vaccino covid AstraZeneca raccomandato anche per i 65enni: la circolare del Ministero della Salute

Il Vaccino anticovid di AstraZeneca è ora raccomandato in Italia anche per i 65enni: lo si legge in una circolare del Ministero della Saluteche fa seguito ai pareri positivi di Aifa e Cts. "Il vaccino covid AstraZeneca può essere offerto fino ai 65enni (Coorte 1956) compresi soggetti con condizioni che possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di covid -19 senza quella connotazione di gravità riportata per le persone definite estremamente vulnerabili" scrive il Ministero nella sua circolare".

23 Febbraio 08:29 Biden ricorda i 500mila morti covid in Usa: “Non sono numeri, è la vita delle persone”

“Dobbiamo resistere dal diventare insensibili al dolore, Dobbiamo resistere nel ritenere la vita degli altri una statistica. Dobbiamo onorare i morti, ma ugualmente importante è occuparsi di chi continua a vivere, di chi è rimasto”, così il Presidente Usa Joe biden ha ricordato in una cerimonia alla Casa Bianca i 500mila morti covid negli Stati Uniti. Biden, che insieme alla first lady Jill, alla vice presidente Kamala Harris ed al marito Doug Emhoff, ha osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del coronavirus fuori dalla Casa Bianca, dove erano state poste decine di candele, ha poi esortato ad “agire, a restare vigili, a mantenere le distanze, a indossare le mascherine e a farsi vaccinare”.

23 Febbraio 08:12 Piano vaccini anti Covid in Lombardia, somministrate 592.879 dosi

Sono 592.879 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate finora in Lombardia su 773.800 dosi consegnate, per una percentuale del 76,6 per cento. I dati ufficiali sono contenuti nel report sui vaccini anti Covid-19, pubblicato sul sito del governo nella sezione relativa al commissario straordinario per l’emergenza. Ecco come procede a oggi martedì 23 febbraio la campagna vaccinale nella regione italiana più colpita dal virus.

23 Febbraio 07:59 Riaprire i ristoranti la sera, Salvini: “Se si va a pranzo in sicurezza, perché no a cena?”

“Dove vi sono le condizioni di sicurezza, dove c’è la zona gialla, dove c’è una situazione sanitaria sotto controllo, se si può andare a pranzo tranquilli, distanziati e ridotti a pranzo, lo si deve poter fare anche a cena”: così Matteo Salvini incontrando i ristoratori riuniti a Roma per protestare si è detto favorevole a riaprire i ristoranti la sera. Il leader della Lega, inoltre, ha promesso loro che presto arriveranno i soldi dei ristori.

23 Febbraio 07:49 Nuovo decreto Covid: tutti i divieti e le regole per l’emergenza coronavirus

Il governo Draghi ha approvato il suo primo decreto Covid, contenente le norme per il contenimento del contagio da Coronavirus. Due le novità principali: la proroga al divieto di spostamento tra Regioni fino al 27 marzo e lo stop alle visite a parenti e amici nelle abitazioni private in zona rossa. Ecco tutti i divieti e le regole per l'emergenza coronavirus

23 Febbraio 07:39 In Messico superati i 180mila morti covid e oltre 2 milioni i contagi

Il Messico ha superato i 180mila morti covid e i 2 milioni di contagi da coronavirus da inizio pandemia. Secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University, il Paese nordamericano ha fatto registrare 180.536 morti covid e 2.043.632 contagi su un popolazione di 126 milioni di abitanti.il Messico è terzo per numero di morti covid nel mondo dopo Usa e Brasile.

23 Febbraio 07:33 Vaccini covid, ministro Giorgetti vedrà Farmindustria per produzione in Italia

Il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti vedrà giovedì il presidente di Farmindustria Scaccabarozzi, per un confronto sulla possibilità di produrre in Italia il vaccino anti-Covid. Il Governo vorrebbe evitare i continui ritardi nell'invio delle dosi ma Farmindustria spiega che "la produzione di un vaccino non è come preparare altri farmaci: un vaccino è un prodotto vivo, non di sintesi, va trattato in maniera particolare. Non è che si schiaccia un bottone ed esce la fiala". Per la produzione ci vogliono 4-6 mesi, importante anche l'infialamento: bisogna avere le macchine necessarie

23 Febbraio 07:24 Le Regioni hanno usato solo il 20% delle dosi del vaccino AstraZeneca ricevute

Le Regioni italiane stanno utilizzando ancora poco le fiale del vaccino anti covid Astrazeneca già arrivate. Al moneto infatti sono state somministrate solo il 20% delle dosi consegnate e in molte regioni la campagna va a rilento. Nel dettaglio, su oltre 542mila dosi arrivate in Italia entro il 13 febbraio, ne sono state impiegate poco più di 110mila. Tra le Regioni più virtuose la Toscana, che ha utilizzato il 96% delle dosi ricevute

23 Febbraio 07:18 Le ultime notizie sul Coronavirus di oggi, martedì 23 febbraio

Continua l'emergenza Covid-19 in Italia e nel mondo. Secondo i dati dell'ultimo bollettino di ieri nel nostro Paese sono stati registrati altri 9.630 contagi su un totale di170.672 tamponi , tra antigenici e tamponi molecolari, e 274 morti per Covid. La Regione che fa registrare il più alto numero di infezioni su base giornaliera è l'Emilia-Romagna.  Ecco, di seguito, il dettaglio regione per regione.

Lombardia: +1.491

Veneto: +509

Piemonte: +639

Campania: +1.202

Emilia Romagna: +1.847

Lazio: +854

Toscana: +911

Sicilia: +412

Puglia: +343

Liguria: +136

Friuli Venezia Giulia: +145

Marche: +117

Abruzzo: +351

Sardegna: +77

P.A. Bolzano: +183

Umbria: +97

Calabria: +118

P.A. Trento: +60

Basilicata: +41

Molise: +83

Valle d'Aosta: +14

In Italia aumentano le zone rosse locali per l'aumento dei contagi dovuti alle varianti covid mentre il governo ha prolungato lo stop agli spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo e imposto lo stop a visite a casa di parenti e amici in zona rossa. In Liguria Toti ha annunciato restrizioni più forti a Ventimiglia e a Sanremo fino al 5 marzo. Si punta sul vaccino: allo studio del governo la produzione in Italia. Convocate le aziende ma ci sono numerosi  problemi tecnici e legali. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha incaricato il ministro per lo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti di interpellare il mondo industriale per capire quali margini ci sono per realizzare nel nostro Paese i vaccini già autorizzati.  Ad oggi sono oltre 3.5 milioni le dosi di vaccino anti covid somministrate mentre sono 1.3 milioni le persone completamente vaccinate. Nel mondo oltre 11 milioni di casi e 2.4 milioni di morti covid. Gli Stati Uniti superano i 500mila morti. Merkel: "Lavorare uniti sul vaccino".