Attimi di agitazione nella mattinata di mercoledì in una scuola superiore di Palermo dopo che un gruppo di studenti liceali ha pensato di divertirsi spruzzando spray urticante in classe durante la lezione senza pensare alle possibili conseguenze di un simile gesto che in altre occasioni purtroppo ha provocato feriti se non vittime. Anche in questo caso infatti l'assurda impresa ha scatenato un fuggi fuggi generale degli altri studenti dall'aula anche se fortunatamente la situazione si è subito tranquillizzata grazie all'intervento del personale docente e non docente. Fortunatamente anche in classe, dopo aver aperto le finestre, la situazione è tornata alla normalità. I protagonisti dell'accaduto sono giovani studenti che frequentano il primo anno nel liceo Classico Garibaldi di Palermo, poi identificati dalla polizia.

È stata la stessa scuola infatti ad allertare le forze dell'ordine che, dopo un sopralluogo, ha identificato i due alunni. "Per fortuna siamo riusciti a gestire la situazione senza il bisogno di chiamare i sanitari del 118. Immediatamente il personale e i professori si sono accorti di quanto era successo e gli alunni sono usciti dalla classe ma ho informato la polizia visto che quanto accaduto è grave" ha spiegato la preside dell'istituto scolastico Maria Vodola che successivamente ha convocato anche i genitori per raccontare l'accaduto. "Adesso cercheremo di sensibilizzare le famiglie e organizzeremo alcuni incontri per spiegare i gravi danni che possono provocare questi gesti". Della vicenda si occuperà anche il consiglio di classe per decidere eventuali  provvedimenti disciplinari