Per il tredicesimo trimestre consecutivo il prodotto interno lordo del nostro Paese fa segnare un risultato positivo, per una crescita più robusta del previsto. È questo ciò che emerge dalle rilevazioni ISTAT, che sottolinea come nel terzo trimestre del 2017 il PIL sia aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dell’1,8% nei confronti del terzo trimestre del 2016. Dati positivi che fanno salire anche la variazione acquisita per il 2017, che è pari al +1,5%. I dati sono in linea con quanto previsto anche dalla Commissione Europea, nella sua nota di qualche settimana fa sullo stato di salute delle economie europee.

Come testimonia la tabella diffusa dall’istituto di rilevazione, si tratta del tredicesimo trimestre consecutivo nel quale si registra la crescita del prodotto interno lordo italiano.

Istat diffonde anche i dati per le altre economie, notando come “nello stesso periodo il PIL è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% negli Stati Uniti, dello 0,5% in Francia e dello 0,4% nel Regno Unito, in termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,3% negli Stati Uniti, del 2,2% in Francia e dell’1,5% nel Regno Unito”.

Ricordiamo che le recenti previsioni economiche sulla crescita nel triennio 2017 – 2019 diffuse dalla Commissione Europea segnalavano sì una buona crescita del PIL del nostro Paese, ma evidenziavano anche come l’Italia crescesse meno di tutti gli altri membri della UE: “Solo Francia e Belgio sembrano sullo stesso livello, mentre, ad esempio, Spagna e Grecia realizzano performance nettamente superiori e persino il Portogallo, altro malato grave della Ue, riesce a doppiare quasi il risultato italiano”.