Foto di Luisa Romussi
in foto: Foto di Luisa Romussi

"La parola è il più straordinario degli effetti speciali". E se a dirlo è uno scrittore, non si può non credere. La citazione di Domenico Starnone non a caso accompagna la locandina di un evento letterario dove la parola la fa da padrona. Si tratta di "La grande invasione", il festival della lettura che quest'anno torna a Ivrea, nella città metropolitana di Torino, per la sua settima edizione. Da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno tanti ospiti di rilievo invaderanno la cittadina per dire la loro su racconto e giornalismo, illustrazione e poesia. Tra i nomi più attesi Concita De Gregorio, Damon Krukowski, Ottessa Moshfegh, i finalisti del Premio Strega e molti altri.

"La grande invasione" ad Ivrea: il festival della lettura

Il filo conduttore di "La grande invasione" sarà la parola con tutte le sue possibili declinazioni. Durante la tregiorni piemontese gli autori discuteranno di narrativa e saggistica, dando spazio anche alle altre arti come musica e teatro, fotografia e cinema. L’intera città accoglierà scrittori, giornalisti e artisti, accanto ad un pubblico di appassionati e curiosi che potranno prendere parte ai tanti appuntamenti sparsi per la città: dalla Chiesa di Santa Marta al Museo Civico Garda, dal Teatro Giacosa allo Zac!, e ancora in librerie, locali e ristoranti. In più anche quest’anno ci sarà la tappa fuoriporta nel Castello di Parella, sede di Vistaterra, che ospiterà alcuni degli incontri in calendario.

Per i più piccoli ci sarà uno spazio ad hoc: la "Piccola invasione" con spettacoli, letture e laboratori destinati proprio ai bambini. Qui potranno leggere e sperimentare, dando sfogo alla loro creatività e stimolando la loro capacità intellettiva. Verranno proiettati anche dei cortometraggi per l'infanzia e dei film d'animazione. Tra gli animatori Chiara Carminati e Franco Lorenzoni. Nei giorni del festival verranno inaugurate anche tante mostre, come "Piccoli tasti, grandi firme. L’epoca d’oro del giornalismo italiano (1950-1990)" allestita al Museo Civico Garda, un'esposizione che ripercorre la storia del giornalismo attraverso le figure che hanno maggiormente segnato il suo percorso, da Guareschi a Biagi, da Terzani alla Fallaci. Al Museo Tecnologic@mente saranno, invece, intensificate le visite guidate alla mostra permanente, che espone i tesori della tecnologia che hanno permesso a Ivrea di raggiungere la leadership mondiale nel settore della meccanica e dell’elettronica.

Tra i presenti a "La grande invasione" Concita De Gregorio, Gianni Mura, Darwin Pastorin, Ferruccio De Bortoli, Matteo Nucci e i finalisti del Premio Strega. Oltre all’incontro in cui verrà presentata la "dozzina", ciascuno dei dodici finalisti dello Strega sceglierà una parola-chiave per raccontare il proprio romanzo in un Pranzo letterario. Come ospiti internazionali ci saranno Damon Krukowski, Bjorn Larsson, Stefan Merrill Block e Ottessa Moshfegh.