Si chiamava Rosario Gennuso l’uomo di 69 anni falciato e ucciso, insieme alla sua compagna ucraina di nome Olga Diduk, ieri sera poco dopo le 21 in contrada Mista a Modica, comune del ragusano. I due stavano passeggiando nelle campagne circostanti il centro abitato quando sono stati investiti e uccisi. Gennuso era vedovo, e dopo la perdita della moglie aveva intrecciato una relazione con la 56enne di nazionalità ucraina.  La coppia stava facendo una tranquilla passeggiata quando è stata travolta da una Ford Fiesta la cui guidatrice, anzichè prestare soccorso, è fuggita, salvo poi tornare sui suoi passi e costituirsi al Commissario di Polizia di via Cornelia, dove è stata trattenuta in stato di fermo. Lo schianto è stato tremendo: il mezzo ha falciato il 69enne e la sua compagna, non lasciando loro scampo.

Sul luogo della tragedia sono subito giunti i mezzi di soccorso, grazie ad un passante che ha assistito all’incidente e ha immediatamente avvisato il 118. Ma ogni sforzo dei sanitari si è rivelato vano: troppo gravi le ferite riportate da Rosario e Olga, che sono entrambi deceduti in seguito all’investimento. La conducente dell’auto, che, come detto, in un primo momento non si era fermata a prestare soccorso, si è poi costituita costituirsi. Si tratta di una residente della zona, 34enne. Il personale del Commissariato di Polizia e della Stazione Carabinieri di Modica ha proceduto all’arresto della conducente dell’autovettura per omicidio stradale plurimo.