video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

I russi attaccano la rete Starlink in Ucraina: “Utilizzano una nuova tecnologia, è più avanzata “

I satelliti sono diventati un’arma strategica per le operazioni militari. Secondo gli esperti, i russi potrebbero aver perfezionato i jammer, in grado di disattivare i sistemi ucraini con attacchi mirati.
A cura di Elisabetta Rosso
38 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

I soldati ucraini stanno usando i messaggi di testo per muovere le truppe, raccogliere informazioni e coordinare gli attacchi. I sistemi Starlink sono bloccati. E mentre i russi guadagnano terreno nell'area di Kharkiv, i militari in Ucraina combattono contro una rete lenta, che non gli permette di comunicare e guidare i droni. Starlink è stato fondamentale per l’esercito ucraino sin dai primi giorni della guerra, l'interruzione del servizio potrebbe segnare un cambiamento tattico nel conflitto. E infatti i russi stanno cercando di colpire dove può fare più male.

Mykhailo Fedorov, ministro ucraino per la trasformazione digitale, ha spiegato che la Russia sta portando avanti una guerra elettronica sofisticata, "sembra che utilizzino una tecnologia nuova e più avanzata. Stanno testando diversi meccanismi per distruggere la qualità delle connessioni Starlink perché sanno che è così importante per noi". Ad aprile infatti la Russia ha dichiarato che i satelliti Starlink erano nella "lista di obiettivi" dell'esercito.

"Stiamo perdendo la battaglia contro la guerra elettronica", ha raccontato al New York Times, Ajax, vice comandante del 92° battaglione di droni d'attacco Achilles. "Un giorno prima degli attacchi, Starlink è diventato molto lento".

Come funziona Starlink

“Sfruttando satelliti avanzati e hardware utente insieme alla nostra profonda esperienza sia con i veicoli spaziali che con le operazioni in orbita, Starlink offre Internet ad alta velocità e bassa latenza agli utenti di tutto il mondo”, spiega il vice comandante.

Il sistema infatti funziona grazie a satelliti in orbita, a circa 500 chilometri dalla Terra, in grado di cogliere il segnale, permette quindi di connettersi a internet in modo veloce e da qualunque luogo. Elon Musk ha subito fornito gratuitamente il servizio, e ha risposto con entusiasmo a Fedorov, quando ha postato le immagini delle attrezzature sul campo.

Cosa sta succedendo alla connessione in Ucraina

Secondo Kari A. Bingen, ex funzionaria del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e direttrice del progetto di sicurezza aerospaziale presso il Centro per gli studi strategici e internazionali, la rete Starlink potrebbe essere stata disattivata attraverso frequenze radio ad alta potenza.

"È chiaro che Starlink sia nel mirino delle forze russe", ha spiegato Bingen al New York Times, "vogliono bloccare l'esercito ucraino impedendogli di comunicare". Secondo gli esperti, i russi potrebbero aver perfezionato i jammer, in grado di disattivare i sistemi ucraini con attacchi mirati. Potrebbero aver inciso sul funzionamento della rete anche le tempeste solari che hanno messo fuori uso diversi satelliti Starlink in tutto il mondo.

Da tempo gli ucraini stanno cercando di proteggere i satelliti per esempio posizionando i terminali in buche scavate nel terreno. Secondo Infozahyst, società ucraina specializzata nella costruzione di armi per la guerra elettronica, che collabora con l’esercito, queste misure non sono sufficienti. 

L'influenza di Elon Musk

Non è strano, ci sono sempre state le ingerenze dei miliardari nelle grandi guerre, ma con Elon Musk è ancora diverso. La sua influenza nel conflitto in Ucraina è iniziata con camion carichi di terminali Starlink, che hanno permesso al Paese di comunicare, nonostante le infrastrutture distrutte e i bombardamenti.

I satelliti sono anche diventati un'arma strategica per le operazioni militari, e Musk è diventato l'uomo in grado di sabotare o meno un attacco. E infatti, nella sua biografia, scritta da Walter Isaacson, Elon Musk racconta di aver ordinato ai tecnici di bloccare il servizio Starlink al largo della Crimea per impedire ad alcuni droni sottomarini ucraini carichi di esplosivi di attaccare le navi militari russe. Disattivando Starlink ha fatto in modo che i droni "perdessero la connessione e andassero alla deriva senza causare danni", si legge nella biografia.

In altre parole Musk controlla il servizio satellitare e può scegliere di interromperne l’accesso. In alcuni casi, i funzionari ucraini hanno dovuto fare appello direttamente al miliardario affinché attivasse l’accesso Starlink durante le operazioni militari.

38 CONDIVISIONI
4343 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views