6 Maggio 2022
20:18

Nell’oceano ci sono montagne di zucchero nascoste (e le abbiamo appena scoperte)

Vaste riserve di zucchero di cui non eravamo a conoscenza sono accumulate sotto distese sottomarine di Posidonia, lungo le regioni costiere di tutti i continenti.
A cura di Valeria Aiello
Posidonia oceanica / Wikipedia
Posidonia oceanica / Wikipedia

Vaste riserve di zucchero di cui non eravamo a conoscenza sono accumulate sotto le distese di Posidona oceanica, una pianta acquatica della famiglia delle fanerogame marine, nota anche come erba di Nettuno o alga del Mediterraneo e considerata una delle specie chiave negli ecosistemi ecologicamente ed economicamente rilevanti lungo le regioni costiere di tutti i continenti, ad eccezione dell’Antartide.

Gli scienziati hanno scoperto che questa pianta acquatica produce zuccheri, principalmente saccarosio, che si accumulano nei sedimenti a concentrazioni quasi 80 superiori a quelle osservate in altri ambienti marini. Inaspettatamente, i ricercatori hanno osservato che questi depositi non vengono prontamente divorati dai microrganismi, ma il consumo di tali riserve è inibito da alcuni composti fenolici che vengono rilasciati sempre dalla Posidonia.

In uno studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution, i ricercatori hanno verificato le loro ipotesi in una vera prateria sottomarina endemica di Posidonia, con l’uso di una tecnica chiamata spettrometria di massa. Nei campioni analizzati, hanno osservato “un minor consumo di saccarosio” in presenza delle sostanze fenoliche isolate dalla pianta, come spiegato dalla microbiologa marina Maggie Sogin del Max Planck Institute for Marine Microbiology di Bremen, in Germania.

Gli zuccheri erano più abbondanti nei campioni di sedimenti prelevati sotto le distese di fanerogame che nei campioni non vegetati.
Gli zuccheri erano più abbondanti nei campioni di sedimenti prelevati sotto le distese di fanerogame che nei campioni non vegetati.

Il consumo di saccarosio è stato inferiore rispetto a quando non erano presenti le sostanze fenoliche” ha precisato Sogin, indicando che solo un piccolo gruppo di microbi è riuscito a consumare saccarosio in presenza di tali composti, poiché esprimeva anche geni per la degradazione dei fenoli. “Dato che abbiamo osservato alte concentrazioni di saccarosio sotto altre tre specie di piante marine, prevediamo che la presenza di fenolici prodotti dalle piante in condizioni di basso ossigeno consenta l’accumulo di molecole labili attraverso le rizosfere acquatiche” scrivono gli studiosi nel loro lavoro, stimando che le fanerogame marine di tutto il mondo possano contenere fino a 1,3 milioni di tonnellate di saccarosio.

Le fanerogame marine sono una delle riserve più importanti del pianeta del cosiddetto blue carbon (carbonio catturato dagli ecosistemi oceanici e costieri del mondo): una distesa di fanerogame può aspirare il doppio del carbonio di una foresta delle stesse dimensioni sulla terra e farlo 35 volte più velocemente. “Sulle fanerogame marine non ne sappiamo quanto sugli habitat terrestri – ha aggiunto Sogin – . Quando si tratta di calcolare la perdita di cattura del carbonio dalle praterie di fanerogame, tra gli habitat più minacciati del pianeta a causa dell’attività umana e della diminuzione della qualità dell’acqua, gli scienziati possono ora tenere conto dei depositi di saccarosio e della stesse fanerogame”.

Assurda
Assurda "strada di mattoni gialli" scoperta sul fondo dell'Oceano Pacifico
1.786 di Scienze Fanpage
Il cane è il miglior amico dell'uomo e abbiamo appena scoperto come ha fatto a diventarlo
Il cane è il miglior amico dell'uomo e abbiamo appena scoperto come ha fatto a diventarlo
Questo asteroide è stato scoperto appena due ore prima di schiantarsi sulla Terra
Questo asteroide è stato scoperto appena due ore prima di schiantarsi sulla Terra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni