Una donna ha ammesso di aver avvelenato il proprio figlio di 5 anni, invalido, iniettandogli il proprio sangue perché voleva che lo staff ospedaliero “gli prestasse più attenzione”. Elizabeth Malone, 29 anni, si è dichiarata colpevole di abuso su minore dopo che telecamere di sorveglianza in un ospedale della Stato USA della Virginia l'hanno ripresa mentre usa una siringa per iniettare il sangue nel naso e nella bocca del figlio malato. Il piccolo era stato portato lo scorso aprile all’Inova Fairfax Hospital, dopo che sua madre ha riferito che stava sanguinando dalla bocca e dalla cannula tracheostomica. Il piccolo, che non può parlare a causa della sua disabilità, era già stato ricoverato in ospedale sette volte in due mesi per emorragia. Le telecamere di sorveglianza erano state installate nella stanza dell'ospedale del piccolo paziente dopo che un'infermiera aveva individuato una siringa nascosta nella manica della madre e un tovagliolo insanguinato nel bagno. Il video di sicurezza, ottenuto dalla NBC, mostra Malone che usa una siringa per iniettare il sangue nella trachea del figlio mentre giace nel suo letto d'ospedale.

La donna è stata arrestata il 25 aprile scorso. Inizialmente ha negato tutte le accuse, ma in seguito ha ammesso le proprie responsabilità: "Non voglio intenzionalmente fargli del male", ha detto in un interrogatorio. "Lo so, l'ho fatto, lo so. Punitemi, ma per favore fatemi vedere di nuovo i miei figli ". Il bambino ha sofferto di infezione e febbre alta dopo che gli è stato iniettato il sangue di sua madre. Secondo i medici avrebbe potuto morire se non fosse stato trattato correttamente. L'avvocato della donna sostiene che la sua cliente era in disaccordo con la terapia medica di suo figlio, ma ha apprezzato il modo in cui il personale ospedaliero ha risposto alla crisi suo figlio quando stava sanguinando. Così ha iniettato al bambino il suo stesso sangue per cercare di ricreare quei sintomi. “Lei nega qualsiasi intenzione di danneggiare suo figlio. Ama suo figlio come qualsiasi madre" ha detto l’avvocato al giudice. La donna sarà condannata il prossimo luglio.