"Io vorrei che la classe mi considerasse, ma nessuno mi parla e non vogliono giocare con me". È il messaggio per Babbo Natale scritto da un bambino e lasciato su un albero dei desideri a Tolmezzo (Udine). La storia è stata raccontata su Facebook da un cittadino che ha postato le foto della letterina: "Ho letto questo messaggio sull’albero dei desideri posto in piazza XX settembre a Tolmezzo ….e mi è venuto il magone" ha scritto l'uomo.

La letterina del bambino (non si sa a scriverla sia stato un maschietto o una femminuccia) ha catturato l'attenzione del signor Bruno che ha pensato di condividere il suo dispiacere con la rete. Sulla parte frontale del bigliettino di natale sono disegnati una chiesa, una torre con orologio, degli alberi e la stella cometa. Ma è girando il piccolo lavoretto scolastico che si scopre l'amara verità: il messaggio malinconico del piccolo, scritto a penna.

Si tratta di uno dei centinaia di lettere appese in questi giorni di festa all'albero di Natale che si trova in piazza XX settembre nel piccolo centro in Friuli-Venezia Giulia. "Chi vigila su questi bambini se ne sarà accorto?" si chiede una cittadina commentando il post Facebook del signor Bruno. "Grazie per averlo postato. È un modo per parlarne e tentare di affrontare" si legge in un altro commento. E ancora: "Anche io l'ho letto e sono rimasta molto molto male. Povera creatura. Chissà che male che sta".

A raccontare la vicenda è anche UdineToday che scrive: "L'autore è sconosciuto, ma ad osservare bene la calligrafia si intuisce che quella frase è stata prima scritta a matita, poi ricalcata a penna, forse proprio in un istituto scolastico della zona. Ci auguriamo che questi dettagli possano aiutare gli insegnanti del Tolmezzino a riconoscere la mano dello scrivente".