Una foto struggente e densa di significato. Una immagine dalla quale trapela il dolore di una madre che ha visto dissolversi le fatiche del suo “meraviglioso” percorso di gravidanza. Kristy Watson ha trovato il coraggio di condividerla su Facebook insieme ad un lungo post e per lanciare un messaggio forte ad altre future mamme: “Ascoltate e fidatevi del vostro corpo, anche quando i medici vi dicono che va tutto bene”.

“Voglio che la gente sappia cosa ho passato e che questo aiuti a prevenire che una cosa del genere succeda a qualcun altro”. Inizia così il post di Kristy, mamma single, originaria di Victoria, che ha deciso di ritentare il percorso verso la maternità nonostante tre aborti precedenti. “È stata sicuramente l'esperienza più bella che abbia mai vissuto, provando a me stesso quanto ero forte. Il mio corpo ha fatto cose incredibili e il bimbo è diventato un angelo così bello che non meritava di terminare la sua vita così presto. Era il mio bambino miracoloso dopo 3 aborti” dice.

La gravidanza è andata avanti senza grossi problemi, fino alla notizia che ha spezzato il suo sogno di diventare mamma. “La mia gravidanza mi ha quasi ucciso. Una settimana dopo, il mio corpo stava ancora lottando per la vita perché quando ormai era troppo tardi mi è stato detto che avevo una grave pre-eclampsia. I miei reni stavano cedendo, la mia pressione sanguigna era così alta che mi ha quasi fatto avere un ictus. Il mio corpo stava combattendo così duramente per desiderare di mantenere vivo il mio bimbo, ma alla fine ha tolto la vita a lui per mantenere la mia”.

La cosa peggiore che mi è accaduta – racconta – è quando l'infermiera si è seduta all'estremità del mio letto a 32 settimane e 5 giorni, davanti agli ultrasuoni, per dirmi che il mio prezioso piccolo Kaycen non aveva più il battito del cuore. Niente che tu voglia mai sentire, nessuna parola che tu possa mai immaginare o prevedere. Sapevo che qualcosa non andava, l'orribile gonfiore nei piedi, nelle mani e nel viso, mal di testa che durava settimane, la visione sfocata, la pressione sanguigna che andava su e giù, sentivo che non erano solo normali "sintomi della gravidanza". Ma dopo numerose visite mediche, dentro e fuori dall'ospedale, anche cercando di contattare un'altra struttura per una seconda opinione, mi è stato detto che era tutto normale”.

Kristy ammette di essersi sentita “stupida quando mi hanno detto che mi stavo lamentando della mia gravidanza, ma in realtà sapevo che qualcosa non andava. Mi hanno detto che mi avrebbero fatto un'ecografia ma il medico era in riunione e ho dovuto aspettare 2 ore per poi essere rimandata a casa senza esami, con la sola indicazione di prendere il panadol per i miei mal di testa. È successo 3 giorni prima che mi sentissi dire che mio figlio non si muoveva più. Forse non sarebbe cambiato nulla, ma è qualcosa che non saprò mai”. E quindi conclude: “Voglio che tutte le donne conoscano la mia storia – conclude – Ascoltate e fidatevi del vostro corpo, anche quando i medici vi dicono che va tutto bene”.